La truffa post terremoto, si fingono tecnici comunali per rubare in casa

Come se non bastasse già la paura ed il timore provocato dal terremoto di domenica mattina nella giornata di ieri è girata la notizia dei falsi tecnici comunali che con la scusa delle verifiche sismiche,

truffa-anziani2

Come se non bastasse già la paura ed il timore provocato dal terremoto di domenica mattina nella giornata di ieri è girata la notizia dei falsi tecnici comunali che con la scusa delle verifiche sismiche,

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

entrano di soppiatto nelle abitazioni per rubare. In poco tempo la notizia si è diffusa in tutta l’ampia zona a sud di Roma che va da Colleferro fino a San Cesareo, passando per Valmontone e Labico tramite messaggi telefonici e non solo. Per esempio il comune di San Cesareo ha emanato una nota stampa ufficiale con la quale mette in guardia i cittadini. A seguito di alcune segnalazioni giunte stamane in Municipio circa la presenza sul territorio di San Cesareo di falsi tecnici del Comune che chiedevano di entrare nelle abitazioni per effettuare sopralluoghi per verificare la stabilità degli edifici dopo la forte scossa dello scorso 30 ottobre che ha colpito duramente le Regioni del Centro Italia, il sindaco Pietro Panzironi avvisa i cittadini che l’Amministrazione non ha dato alcuna disposizione in tal senso, quindi i fantomatici incaricati in realtà potrebbero essere dei malintenzionati. “Prestate attenzione a falsi dipendenti comunali che girano per la città chiedendo di entrare nelle case per verificare se ci sono danni – dichiara il Primo Cittadino-. Nessun tecnico incaricato dal Comune di San Cesareo sta infatti effettuando ispezioni all’interno di abitazioni private. Per tale ragione, chiunque riceva visite del genere presti la massima attenzione e avvisi il prima possibile le Forze dell’Ordine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento