Labico, con le reti comunali parte il progetto di valorizzazione dei giardini di Villa Giuliani

Di Giancarlo Flavi Nel mentre si aspetta la decisione della Regione, anche se sembrerebbe che alcune reti già siano state escluse, le reti organizzate dagli architetti Luca Calselli ed Emma Tagliacollo (vedi l'intervista completa qui in alto)...

 
Di Giancarlo Flavi

Nel mentre si aspetta la decisione della Regione, anche se sembrerebbe che alcune reti già siano state escluse, le reti organizzate dagli architetti Luca Calselli ed Emma Tagliacollo (vedi l'intervista completa qui in alto) stanno mettendosi in mostra con i loro progetti. Giovedì a Labico c'è stato il primo incontro.





I progetti che saranno elaborati passeranno prima alla BISP ( Biennale Internazionale dello Spazio Pubblico 2017) in modo da dare un corpo ai progetti stessi che l’architetto Calselli sta elaborando per i Comuni di Colleferro, Paliano, Serrone, Piglio e Bellegra e Olevano Romano.

A Palazzo Giuliani (sede anche del Consiglio Comunale) a Labico si è svolto il primo incontro, dove è stato presentato il progetto del Giardino di Palazzo Giuliani con il recupero di alcuni pezzi di un prototipo della Torre Eiffel di Parigi che si trovano in una struttura coperta e le altre “municipalità di un ambito territoriale contiguo, non necessariamente omogeneo, che metteranno in rete le esperienze e le energie di cui dispongono e che insistono in esso,come spazi e strutture, ambiente e paesaggio, servizi, preesistenze significative, professionalità, imprese, istituti di credito, fornitori di servi ( …), conservando anzi alimentando i propri caratteri identitari e le proprie specificità, con un progetto condiviso, visionario e di prospettiva, contribuiranno sensibilmente al miglioramento dell’aspetto fisico e estetico dell’intero ambito, e soprattutto, al miglioramento delle condizioni di vita, sociali, culturali, economiche delle comunità dei residenti” come scritto nel Ri-Gymnasium- Terrtorio-Innovazione-Rigenerazione dell’arch. Luca Calselli.

Insomma, i piccoli centri in rete per lo spazio pubblico come fattore strategico di rigenerazione e coesione sociale. All’incontro erano presenti il Sindaco Alfredo Galli che ha salutato tutti i presenti, l'assessore Grazia Tassiello e gli impiegati comunali dell'uffficio tecnico che hanno seguito tutto l'iter, i rappresentanti dei comuni di Serrone e altri amministratori del comprensorio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento