Roma

Metro C, Celli (Civica): “con stop a San Giovanni città resta divisa”.Maxiconcorso. Sport

“Bloccare la Metro C a San Giovanni significa di fatto una città divisa tra zone di serie A e serie B, con vaste zone periferiche condannate ad una viabilità congestionata.

"Bloccare la Metro C a San Giovanni significa di fatto una città divisa tra zone di serie A e serie B, con vaste zone periferiche condannate ad una viabilità congestionata. Per questo invito il sindaco Marino a non cedere a 'tentazioni' che condannerebbero la città ad avere un trasporto metropolitano al di sotto delle sue esigenze.", lo ha dichiarato in una nota Svetlana Celli (Civica Marino) membro della commissione Metro C di Roma Capitale.

"Il sindaco Marino fa bene a non minimizzare le criticità e le preoccupazioni che ogni giorno emergono intorno ai lavori della Metro C. Trasparenza e tempi certi dei lavori di realizzazione, sono due punti irrinunciabili per l'amministrazione capitolina e per Roma. Ma altrettanto irrinunciabile, per tutti i romani, è avere la certezza che la Linea C andrà da Pantano a Piazzale Clodio, come da progetto iniziale".

MAXICONCORSO, CELLI (CIVICA): "ANDARE FINO IN FONDO RIPRISTINARE TRASPARENZA"

"Condivido in pieno la dura presa di posizione del Sindaco Marino sulle presunte irregolarità legate al maxiconcorso. L'amministrazione Capitolina ha il dovere di approfondire la questione e fare quanto in suo potere per ripristinare legalità e trasparenza oltre che tutelare quanti hanno affrontato il concorso solamente con le proprie forze", lo ha dichiarato in una nota Svetlana Celli (Civica Marino) presidente della commissione Personale, Statuto e Sport di Roma Capitale

"Le notizie che si inseguono in queste ore sono gravi e sconfortanti: procedure sospette, buste trasparenti che non garantiscono l'anonimato, vincitori già decisi fra gli 'amici di'. Un quadro avvilente che, se confermato, danneggia l'immagine di una città che negli anni scorsi ha troppe volte assistito attonita a concorsi annullati, assunzioni facili e commissioni d'esame sollevate dall'incarico".

SPORT, CELLI (CIVICA): SUPERARE DISPARITA' TRA I SESSI

"Lo sport è un eccezionale apripista per la graduale affermazione delle donne in tutti i campi: società, lavoro, politica. In Italia alcuni dei successi più prestigiosi li hanno conseguiti, e li stanno conseguendo, le atlete azzurre. Performance straordinarie, che si intrecciano in un più ampio discorso culturale di parità tra i sessi.", lo ha dichiarato Svetlana Celli (Civica Marino), presidente della Commissione Sport di Roma Capitale intervenendo al convegno 'Sport, una questione di genere?'.

"Ma nonostante i passi avanti - ha continuato - il mondo dello sport continua a non essere paritario. Ancora oggi, infatti, le atlete non sono tutelate in caso di maternità; i premi olimpici sono inferiori rispetto agli uomini; i manager e i medici donne all'interno delle federazioni sono una minoranza; lo sport femminile è meno seguito dai media".

"Le istituzioni di ogni grado - ha concluso - oggi più che mai, hanno il dovere di superare queste disparità, impegnandosi a rispettare, diffondere e rilanciare i principi di uguaglianza sanciti dalla 'Carta Europea dei diritti delle donne nello sport'. L'obiettivo è che in futuro non si parli più di 'sport in rosa' ma solamente di SPORT. In questo l'amministrazione di Roma Capitale, già in prima linea sul tema della rappresentanza di genere e delle pari opportunità, non si tirerà indietro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro C, Celli (Civica): “con stop a San Giovanni città resta divisa”.Maxiconcorso. Sport

FrosinoneToday è in caricamento