menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stadio Fausto Cecconi Monterotondo

Stadio Fausto Cecconi Monterotondo

Monterotondo, gestione degli stadi comunali, al via le procedure di gara

Al via le procedure di gara per l’affidamento della gestione dei due impianti calcistici comunali, il “Fausto Cecconi” di via dello Stadio e l’“Ottavio Pierangeli” di via Salaria. Il bando di gara e il relativo capitolato del primo sono stati...

Al via le procedure di gara per l'affidamento della gestione dei due impianti calcistici comunali, il "Fausto Cecconi" di via dello Stadio e l'"Ottavio Pierangeli" di via Salaria.

Il bando di gara e il relativo capitolato del primo sono stati già pubblicati, quelli per lo stadio dello Scalo sono invece in corso di pubblicazione. Diversa la durata della concessione (cinque anni per il Pierangeli, otto per il Cecconi) così come il canone che i futuri soggetti concessionari dovranno versare al Comune, in ragione delle differenze tra i due impianti in ordine a numero e dimensione dei campi da gioco e strutture disponibili. Del tutto analoghi, invece, sia i criteri per l'individuazione dei soggetti ammessi al bando, sia quelli tecnico-qualitativi ed economici che saranno osservati in sede di aggiudicazione.

Saranno valutati, oltre all'offerta economica più vantaggiosa, la qualità dei progetti tecnici di gestione dei servizi e gli interventi migliorativi delle strutture che saranno proposti dai partecipanti al bando. Nello specifico: la promozione dell'attività calcistica in favore di bambini e giovani, le iniziative specifiche di educazione all'attività sportiva di adulti e anziani, il numero o i corsi d insegnamento di attività sportive aggiuntive rispetto al calcio, le attività collaterali compatibili con gli impianti, le collaborazioni con l'associazionismo, il terzo settore e con i gestori di altri impianti sportivi comunali, il rifacimento dei campi di calcetto in erba sintetica, la riqualificazione energetica degli impianti, l'inserimento di nuovi arredi e attrezzature per gli spogliatoi e le tribune, le opere di sistemazione delle aree restanti, sportive e non, le attività di ristrutturazione finalizzate al rilascio del certificato di agibilità edilizia.

I soggetti aggiudicatari della gara per la gestione del Pierangeli percepiranno tutte le entrate derivanti dall'applicazione delle tariffe relative all'utilizzo delle strutture e all'organizzazione delle attività e dalla gestione complessiva dell'impianto. Quelli che si aggiudicheranno la gestione del Cecconi avranno in più le entrate derivanti dalla gestione del bar e delle aree ad esso collegate, dalla vendita a terzi degli spazi pubblicitari, dall'organizzazione di attività ricreative e culturali organizzate all'interno della struttura sempre che non interferiscano negativamente con le attività calcistiche, altre iniziative eventualmente proposte e autorizzate dall'Amministrazione comunale.

I concessionari saranno inoltre tenuti ad assicurare, nell'ambito delle attività organizzate presso l'impianto, l'ingresso gratuito agli impianti e la pratica sportiva gratuita ad un numero di utenti segnalati dai Servizi sociali o territoriali pari al 10% del totale degli iscritti.

«L'organizzazione e la gestione dei servizi e delle strutture pubbliche - afferma il sindaco Alessandri - deve necessariamente essere all'altezza della città com'è oggi, della sua crescita e della sua complessità. L'affidamento degli impianti calcistici a realtà sportive di comprovata esperienza e specializzazione risponde esattamente a questa esigenza, nel segno di quella sussidiarietà che peraltro caratterizza da tempo la gestione degli impianti sportivi e che oggi, sull'esempio della piscina comunale, compie un ulteriore salto di qualità».

«La nuova formula di gestione - conferma l'assessore al Patrimonio Antonino Lupi - consentirà di coniugare qualità del servizio e miglioramento delle strutture, economicità, razionalizzazione di spazi e tempi di fruizione».

«Tuttavia - conclude l'assessore allo Sport Alessia Pieretti - non saranno minimamente scalfiti quei principi che hanno da sempre ispirato le politiche dello "sport per tutti" a Monterotondo: la valorizzazione, prima ancora che dell'agonismo, del contributo che la pratica sportiva offre alla crescita individuale e all'integrazione sociale. Principi e linee di governo che, negli anni, hanno consentito alla nostra città di realizzare un patrimonio di impiantistica sportiva che contribuisce notevolmente a renderla vivibile e ricca di servizi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento