menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, mobilitazione dei fedeli per i padri Passionisti di Santa Maria Pugliano

Numerose iniziative dei fedeli per evitare la chiusura del sacro convento con annesso Santuario, edificati da San Paolo della Croce nel novembre 1775. Le comunità di Paliano, Serrone e  Piglio  sono in ansia per le sorti dei padri Passionisti...

Numerose iniziative dei fedeli per evitare la chiusura del sacro convento con annesso Santuario, edificati da San Paolo della Croce nel novembre 1775. Le comunità di Paliano, Serrone e Piglio sono in ansia per le sorti dei padri Passionisti destinati a lasciare Santa Maria Pugliano dopo 259 anni.

Tutti stanno cercando, con petizioni, mobilitazione politica e manifestazioni varie di evitare la chiusura prevista il 31 Agosto di questo luogo sacro tanto caro ai palianesi, ai serronesi ( tra i passionisti vi è Padre Giustino di Serrone) ed ai pigliesi in quanto i padri passionisti sono di casa nel Santuario della Madonna delle Rose di Piglio dove da oltre 15 anni sono presenti per officiare la Santa Messa del sabato e della Domenica.

Alcuni fedeli hanno scritto una lettera per far retrocedere i Superiori a questa diabolica iniziativa: Ne riportiamo il testo:

"Siamo venuti a conoscenza - si legge nella sentita e accorata lettera dei fedeli- che i padri Passionisti lasciano definitivamente il complesso di santa Maria Pugliano dal 1° Settembre 2014.

Oltre alla sorpresa, siamo stati colti da un misto di incredulità e rabbia che non avevamo mai sperimentato in passato, tanto meno per problemi legati alla sopravvivenza del convento e della parrocchia.

Umilmente chiediamo - conclude la nota- che l'intera vicenda ci venga chiarita; tutte e due le comunità di Paliano e di Piglio sperano di poter tirare un sospiro di sollievo se tutto si risolverà positivamente a favore dei fedeli del nord ciociaria, i quali saranno compatti a contrastare la fuoriuscita dei padri Passionisti dal convento e dal Santuario di Santa Maria Pugliano, fondati da San Paolo della Croce, e fortemente voluti adesso e per sempre dai palianesi tutti".

Sembra che anche mons. Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina, venuto a conoscenza del problema tramite la stampa locale, si stia movendo in tal senso anche perché Santa Maria Pugliano è, nel comune di Paliano (FR), una parrocchia prevalentemente rurale, istituita nel 1962, e che ha dato, in 52 anni di attività, un impulso nuovo a tutto il territorio di pertinenza, che conta circa 2000 abitanti e circa 500 famiglie, e si estende nella campagna di Paliano tra le contrade di San Procolo, del Castellaccio e delle Cimate.

Nel Santuario oltre ad essere custodite le reliquie di San Teodoro Martire, posizionate all'interno di una cappella laterale dedicata a San Paolo della Croce, viene venerata la Vergine SS.ma sotto il titolo di la "Puglianella", in quanto si credeva che la sacra immagine fosse giunta a Paliano dalle Puglie tramite due soldati delle truppe del Duca di Calabria.

In questi ultimi anni molte sono le iniziative che la parrocchia ha messo in atto come la pastorale familiare, i gruppi ecclesiali quali Comunione e Liberazione, il gruppo di preghiera di San Pio, la Congrega della Passione.

A Paliano, i santamariani con sdegno " Non andremo alla messa alle Mole" hanno esclamato in coro. Ed i più sono increduli per quanto sta accadendo. Sembrerebbe che a Paliano dovrebbero arrivare una comunità di sacerdoti sud americani novizi facenti parte di altra congregazione. Sono voci che si rincorrono a Paliano da quanto, per primi abbiamo dato la notizia della chiusura del Convento dal prossimo 1 settembre. Anche i padri interrogati- ci hanno risposto di non sapere nulla - " noi ci rimettiamo alla volontà dei nostri superiori- ci hanno risposto.

Giorgio Alessandro Pacetti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento