Perché si festeggia il ferragosto? Origini, etimologia e significato italiano

Il ferragosto è una festa popolare italiana che affonda le proprie radici nell’antica Roma. È una festa dedicata al riposo e, in fin dei conti, a ferragosto si festeggia l’estate. È il culmine delle ferie estive e sul calendario la troviamo...

31215
Il ferragosto è una festa popolare italiana che affonda le proprie radici nell’antica Roma. È una festa dedicata al riposo e, in fin dei conti, a ferragosto si festeggia l’estate. È il culmine delle ferie estive e sul calendario la troviamo segnata di rosso perché è una festa.

La data del ferragosto è il 15 agosto, anche se spesso si rientrano in essa, a seconda delle usanze locali, anche i giorni precedenti (13 e 14) e seguenti (il 16). Si tratta di una festa squisitamente laica (alcuni la chiamano il «Natale pagano» perché le famiglie si ritrovano insieme) anche se nello stesso giorno la chiesa cattolica ha inserito la celebrazione della solennità dell’Assunzione di Maria in cielo.

Le origini, l’evoluzione e il significato del ferragosto


L’etimologia del termine ferragosto va trovata nel latino e nella storia. Con feriae Augusti, vale a dire «riposo di Augusto», si intendeva quella festa istituita dall’imperatore Augusto nel 18 a. C. per celebrare la fine dei principali lavori agricoli. Di fatto questa festa serviva per collegare tra loro diverse altre festività che cadevano nello stesso mese (i Vinalia rustica, i Nemoralia) in modo da avere diversi giorni di riposo dopo le fatiche nei campi. La data del Ferragosto romano era il 1 agosto. Tra l’altro prevedeva corse con cavalli mentre gli animali da tiro venivano lasciati riposare e vestiti con dei fiori. Solitamente i lavoratori portavano i loro auguri ai padroni che rispondevano con una mancia.

Nel corso degli anni la data si è spostata ed è arrivata al 15 agosto per volontà della chiesa cattolica, sì che fosse anche una festa religiosa. Il 15 agosto, infatti, nel calendario liturgico ricorre la solennità di Maria Santissima assunta in cielo.

Il Ferragosto come lo celebriamo oggi – vale a dire gita fuori città e pranzo al sacco – è dovuto al ventennio fascista. In quegli anni, infatti, erano in vigore in questo periodo dell’anno i Treni popolari di Ferragosto, con biglietti molto scontati. Le famiglie italiane potevano usufruire di questi treni dal 13 al 15 agosto e andare a visitare le città italiane. Le gite non prevedevano il vitto, motivo per cui nacque la tradizione del pranzo al sacco ferragostano.


LEGGI ANCHE:



Venti anni dal massacro di Srebrenica: 4 libri per non dimenticare






Cosa fare e dove andare a ferragosto


Cosa fare oggi a Ferragosto? Dove andare? Molto dipende dal proprio carattere, dalle abitudini e dalla disponibilità economica. Diverse persone sono già in ferie in questi giorni dell’anno, motivo per cui potranno celebrare la giornata festiva secondo le usanze del luogo. Altri hanno solo il giorno del 15 come ferie e magari ne approfittano per fare una gita nelle vicinanze con la propria famiglia.

Il menù di ferragosto


Quello che probabilmente accomuna la maggior parte delle persone in Italia in questa occasione è il pranzo di ferragosto. Non c’è un menù unico per tutta la Penisola, ma spesso è un pasto abbondante (come dicevamo sopra, per molti aspetti la giornata festiva di mezz’agosto ricorda il Natale).

Non mancano sulla tavola di ferragosto le carni (piccioni e polli, spesso farciti), come anche dei dolci (citiamo qui il Biscotto di mezz’agosto di Pitigliano, Grosseto, o lo Zuccherino montanaro bolognese di Grizzana Morandi, Bologna), ma ogni paese – e ogni famiglia – ha le proprie tradizioni. A proposito del piccione, c’è anche un proverbio italiano che recita: «Per Ferragosto, piccioni arrosto».

Se proprio volessimo trovare un alimento che unisce tutti i pranzi ferragostani del Bel Paese, probabilmente questo sarebbe il cocomero o anguria, che con il suo rosso acceso e il verde brillante è un po’ il simbolo dell’estate italiana.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento