Roma

Polisportiva Borghesiana volley, Chiodi: «L’Under 18 deve migliorare sotto l’aspetto mentale»

Si sono raddoppiati gli impegni per l'Under 18 femminile della Polisportiva Borghesiana volley. Le ragazze di coach Camilla Chiodi hanno da poco iniziato anche il campionato di Terza divisione Open, nel senso che (a differenza di quanto si sceglie...

Si sono raddoppiati gli impegni per l'Under 18 femminile della Polisportiva Borghesiana volley. Le ragazze di coach Camilla Chiodi hanno da poco iniziato anche il campionato di Terza divisione Open, nel senso che (a differenza di quanto si sceglie in altri club) al gruppo capitolino capita di affrontare anche avversari più "esperti" in un torneo che non prevede limiti di età.

«Abbiamo scelto di fare questo campionato - dice la Chiodi - per far fare ulteriore esperienza alle nostre ragazze, anzi risparmiando un paio di elementi che sono già in pianta stabile nel giro della nostra prima squadra che milita nella Seconda divisione. Vogliamo cercare di capire attraverso questo campionato se ci sono delle atlete che, in prospettiva, possano salire nella squadra di punta e quindi al risultato diamo un'importanza relativa. In ogni caso mi aspettavo che il gruppo soffrisse di più l'impatto con la Terza divisione e invece nelle prime gare le cose stanno andando abbastanza bene anche da quel punto di vista». Il nuovo torneo, nelle intenzioni della Polisportiva Borghesiana volley, deve far crescere le ragazze anche sotto un altro aspetto. «A questo gruppo capita spesso di avere dei "momenti di panico mentale" nel corso delle gare: credo che questo difetto si possa correggere giocando e acquisendo esperienza nel "leggere" i momenti della partita» rimarca la Chiodi. Intanto l'Under 18 sta portando avanti anche il suo campionato "d'origine", ma anche lì per la Chiodi non è importante parlare di classifica o risultati. «Sinceramente sono più spesso le ragazze o i genitori a informarmi sulla nostra posizione più che farlo io direttamente - sorride l'allenatrice - Ciò che più mi fa piacere è ricevere l'apprezzamento da parte degli allenatori che magari riconoscono la crescita di questo gruppo rispetto alle sfide del girone d'andata. Questo significa che siamo sulla strada giusta e che bisogna continuare a lavorare con la giusta concentrazione e abnegazione» conclude la Chiodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polisportiva Borghesiana volley, Chiodi: «L’Under 18 deve migliorare sotto l’aspetto mentale»

FrosinoneToday è in caricamento