Prenestina

Cave, verso le elezioni. Angelo Lupi si presenta alla città

Bagno di folla, al di là delle più rosee aspettative, per la prima uscita ufficiale di Angelo Lupi, candidato sindaco di “Con Cave Bene Comune”. In un’aula consiliare gremita come non mai, il coordinatore, Massimiliano Renzi, ha dato il via...

Bagno di folla, al di là delle più rosee aspettative, per la prima uscita ufficiale di Angelo Lupi, candidato sindaco di "Con Cave Bene Comune". In un'aula consiliare gremita come non mai, il coordinatore, Massimiliano Renzi, ha dato il via ufficiale alla campagna elettorale di Angelo Lupi a sindaco di Cave.A sostenerlo, sotto il simbolo di "Con Cave - Bene comune", un movimento civico che, mescolando l'esperienza al rinnovamento, la conoscenza all'entusiasmo e alla novità, vuole ripartire dalle cose fatte dall'Amministrazione Umbertini per continuare a far crescere Cave.

"La città è cambiata molto in questi anni - afferma Massimo Umbertini - avendo sempre a mente il bene comune. Angelo Lupi mette insieme la continuità, la crescita, il futuro e posso garantire che è una persona di grande onestà intellettuale, che assume solo gli impegni che sa di poter mantenere. Un uomo di Cave che si propone di fare il sindaco di Cave perché ama la propria città e la sua storia. Angelo è un innovatore che ha una sua autonomia e personalità. Qui non si sente alcun bisogno di interventi fuori campo!".

Emozionato, ma determinato e con le idee chiare, Angelo Lupi si presenta ai propri concittadini con il piglio di chi sente la propria città nel sangue. "Dieci anni di vita politica e amministrativa - spiega Lupi - hanno lasciato segni indelebili e incancellabili. Dal 2014 al 2019 dovremo scriverne una nuova storia. Sarà dura, ma è proprio per questo che voglio impegnarmi per Cave. Molti di voi ricorderanno com'era questo paese 10 anni fa, quando partì questa scommessa, insieme a Massimo. Tanta acqua è passata sotto i ponti ed oggi possiamo ripartire dalle cose che abbiamo fatto".

"Del passato - prosegue Lupi - voglio concentrarmi su 4 aspetti fondamentali che ritengo determinanti per il futuro. Il primo è la scuola: abbiamo ricostruito la materna, abbiamo istituito l'alberghiero e l'artistico. Ora vogliamo un polo superiore che sia autonomo e cercare di recuperare la scuola professionale, magari come incubatore d'impresa. Il secondo è la salvaguardia dell'ambiente: con la differenziata porta a porta siamo tra i primi sei comuni nel Lazio. Ne siamo fieri, ed è su questa strada che continueremo. Il terzo è il parcheggio del fossato: non per l'opera, importante, ma per ciò che rappresenta per il centro storico, che vogliamo recuperare appieno. Il quarto è il teatro comunale: una scommessa vinta, mostrando di che pasta siamo fatti, noi di Cave. Uno spazio fondamentale, in un paese in cui è forte l'associazionismo, la vitalità culturale. Sono solo 4 esempi per ribadire che il nostro programma, che ruoterà su pochi punti concreti e realizzabili, trova le proprie fondamenta nelle cose fatte. Noi sappiamo di poter dire 'faremo' consapevoli di aver già dimostrato di 'saper fare'. Il libro dei sogni possono scriverlo tutti, realizzare quei sogni è la scommessa difficile che noi abbiamo già mostrato di saper vincere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cave, verso le elezioni. Angelo Lupi si presenta alla città

FrosinoneToday è in caricamento