Prenestina

Colleferro Rossi, Giuliani e Sofi (PDL), molto critici con il loro partito: “andate tutti a casa”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: “Il film di Luigi Comencini con protagonista Alberto Sordi " TUTTI A CASA" è il titolo che più si addice a ciò che è accaduto al centro-destra romano e non solo negli ultimi mesi.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: "Il film di Luigi Comencini con protagonista Alberto Sordi " TUTTI A CASA" è il titolo che più si addice a ciò che è accaduto al centro-destra romano e non solo negli ultimi mesi.

Tolto qualche esempio eccellente ma derubricabile a livello locale per il resto il risultato è negativo in maniera incontestabile di Roma, andata cosi e così, alla Presidenza della regione Lazio di Francesco Storace prima e Polverini poi sino al governo di Roma targato Alemanno. Amministrazioni che ci hanno lasciato a dir poco perplessi. Di solito quando si governa bene per contaminazione si vincono le elezioni nei comuni limitrofi ma purtroppo non è andata così anzi. Quando ci è andata di lusso abbiamo governato fino alla fine della consigliatura per poi puntualmente lasciare, salvo rarissime eccezioni, le chiavi del palazzo al centro sinistra. inclinato che parte proprio da quell'esperienza provinciale che ci aveva fatto sognare, sino a una gestione scellerata delle risorse umane che il centro-destra romano poteva mettere in campo al posto di portaborse lacchè o semplici profittatori figli del più bieco nepotismo.

Sulla questione partito.La sonora sconfitta delle Comunali di Roma chiude un ciclo e ci auguriamo che trascinerà con sé, come un fiume in piena, tutti i colonnelli, i marescialli e i fanti silenti che non hanno capito che la battaglia per farla e vincerla non è sufficiente avere ideali e valori ma cultura di governo e il coraggio di URLARE i nostri ideali e i nostri valori.

Oasi felice è ancora il Comune di Colleferro, che dal 1993 è stato ben amministrato da governi di centro destra. Testimonianza ne è il costante risultato elettorale locale a volte in controtendenza con i dati nazionali.

Purtroppo, è ormai noto che anche dentro la componente del Pdl colleferrino, Primo Partito nel 2011 con oltre 4200 voti, esistono delle problematiche che hanno portato ad una spaccatura netta in due blocchi distinti.

Evidente è il tracollo nelle ultime consultazioni Regionali 2013, nelle quali Il PdL ha perso oltre 2000 voti scendendo da 1° a 3° Partito della Città (minimo storico).

Tale situazione sta provocando in Noi una profonda amarezza ed una disarmante sofferenza, da qui nasce il ns grido d'allarme : Vogliamo lentamente vivere questa agonia che porterà inevitabilmente a fare la fine dell'attuale governo della Regione, della provincia piuttosto che del Comune di Roma? o preservare la nostra isola felice? Noi siamo per "Una politica" non fatta con i favoritismi ma indirizzata verso gli interessi generali e verso un comune sentire che è diventato sempre meno Dalla presidenza Moffa della Provincia .

Un'escalation di Insomma siamo scesi nel baratro in una sorta di piano Ma il dato più grave è il dato politico di tutta questa storia. Abbiamo fallito, la politica non va fatta con le pacche sulle spalle creando momentanee illusioni, bensì meritocratica, scevra da condizionamenti, partecipata, condivisa e non soggiogata da pochi.

Il silenzio in politica appiattisce le posizioni, scolorisce le componenti e con esse si diluisce il tutto nell' opinione, ormai diffusa, che SIAMO TUTTI UGUALI. Noi a tutto questo non ci STIAMO e non ci STAREMO MAI e le lente AGONIEE non ci INTERESSANO."

Firmato: consiglieri comunali del PdL Colleferro Antonio Rossi, Aldo Giuliani e Rocco Sofi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colleferro Rossi, Giuliani e Sofi (PDL), molto critici con il loro partito: “andate tutti a casa”

FrosinoneToday è in caricamento