Olevano, grazie al PSR realizzati importanti lavori per la viabilità rurale, la promozione turistica e vivibilità della città

Quando si dice prevenire è meglio che curare. Questo detto applicato nei lavori pubblici vuol dire programmare con attenzione per evitare danni. Nei giorni scorsi ad Olevano si è svolto l’interessante incontro-dibattito con i cittadini in

 

Quando si dice prevenire è meglio che curare. Questo detto applicato nei lavori pubblici vuol dire programmare con attenzione per evitare danni. Nei giorni scorsi ad Olevano si è svolto l’interessante incontro-dibattito con i cittadini in

cui il Sindaco, affiancato dall’assessore ai Lavori pubblici e dai tecnici che hanno eseguito i lavori, ha spiegato i lavori fatti, grazie ai finanziamenti del PSR del 2014, che hanno permesso di sistemare ben 5 strade comunali in alcune importanti zone del territorio, di installare un bagno pubblico autopulente nei centrali giardinetti e di installare i pannelli informativi turistici in zone strategiche del paese. Lavori, che come dicevamo in apertura, hanno permesso durante l’alluvione che ha colpito la zona a sud di Roma qualche decina di giorni di ridurre al minimo i disagi ed i danni a persone e cose.

Dopo l’introduzione ed i saluti dell’Assessore Irene Ranieri (lavori pubblici) che ha spiegato come il loro agire amministrativo si sia incentrato, soprattutto nei primi anni, sul completamente dei lavori ereditati dalla precedente amministrazione e con l’introduzione di nuovi ed importanti progetti che cambieranno il volto alla città, è stata la volta del sindaco Avv. Marco Mampieri. “Appena arrivati in comune abbiamo trovato molte opere incompiute ma oggi, dopo un duro lavoro di ricostruzione possiamo guardare al futuro con più serenità e con i progetti di rigenerazione urbana siamo pronti a migliorare la nostra città. Grazie al PSR (programma sviluppo rurale) abbiamo effettuato lavori di regimentazione delle acque, abbiamo installato la nuova segnaletica e c’è stato il potenziamento delle reti e la pulizia delle scoline. Il diluvio che si è abbattuto sulle nostre zone, preannunciato dall'allerta con criticità rossa della protezione civile, non ha provocato troppi danni proprio perché questi lavori grazie anche ai PSR (2014 - 2020) sono stati fatti bene. Poi c'è la parte di promozione turistica che abbiamo portato avanti attraverso la diffusione della conoscenza del nostro prezioso nettare, il Cesanese, il nostro prodotto più importante grazie al quale possiamo e dobbiamo diventare una metà turistica, seguendo un sviluppo sostenibile che parte dalla vocazione del nostro territorio. Il video sulla nostra città andato in onda le settimane scorse su il canale TV2000 nell’ambito del programma i Borghi d’Italia è stato visto da 800 mila persone e quindi siamo sicuri che ci sarà un ritorno in termini pratici, ma dobbiamo essere pronti ad ospitare i turisti nel modo giusto”.

Dopo il sindaco è stata la volta dei tecnici Pierluigi Pietrangeli (Resp uff tecnico comune di Olevano), del Geom. Giovanni Scaglioni e dell’Arch, Luca Calselli che hanno sottolineato come: “Siamo stati gli unici della Provincia ad essere finanziati su progetti come quello dell'acquedotto. Di questa Amministrazione ci ha colpito la visione pragmatica delle cose da fare. Loro avevano deciso di dare una mano agli imprenditori agricoli e ci siamo attivati verso questa direzione con la sistemazione delle strade rurali. Abbiamo creato dei percorsi virtuosi per i turisti con una comunicazione ovvero un’immagine coordinata della città con dei segni uniformi e l’utilizzo di nuove tecnologie come il Qr code sui pannelli. Insomma, abbiamo posto le basi per la crescita turistica e non solo di questa bellissima città”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento