menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consiglio Regionale Lazio

Consiglio Regionale Lazio

Regione, Consiglio Lazio premia bando contro violenza sulle donne

Tutti i vincitori del concorso rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori. In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, si è svolta stamattina nella sede di via della Pisana la premiazione dei vincitori...

Tutti i vincitori del concorso rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori. In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, si è svolta stamattina nella sede di via della Pisana la premiazione dei vincitori del concorso "Mai più violenza: esci dal silenzio" 2015, bandito dal Consiglio regionale del Lazio con l'adesione del Presidente della Repubblica e sua Medaglia di rappresentanza e il patrocinio del Senato e della Camera dei Deputati.

Con questa iniziativa, giunta alla ottava edizione, il Consiglio regionale per il tramite della Consulta Femminile, ha stimolato anche quest'anno le nuove generazioni a una riflessione sul fenomeno della violenza sulle donne in tutte le sue forme. 325 sono state le opere giunte in selezione, fra componimenti letterari, elaborati artistici e multimediali.

A premiare i ragazzi l'assessore regionale alle Pari Opportunità Concettina Ciminiello, le consigliere regionali Cristiana Avenali e Marta Bonafoni, la direttrice del Servizio coordinamento amministrativo delle strutture di supporto degli organismi autonomi del Consiglio, Cinzia Felci e Donatina Persichetti, ex presidente della Consulta Femminile.

Alla cerimonia, in cui è stata ricordata con un suo scritto sulla condizione delle donne Valeria Solesin, vittima italiana della strage al teatro Bataclan di Parigi, hanno partecipato Silvia Pietrantonio e Ettore Palazzi dell'Associazione Move di Alessandro Alcanterini e Andre de la Roche, che hanno intrattenuto con alcuni brani musicali la folta rappresentanza delle scuole vincitrici provenienti da Latina, Cave, Ardea, Albano Laziale, Civitavecchia e Vignanello.

Il concorso, rivolto agli studenti e alle studentesse delle scuole superiori di secondo grado, statali e paritarie, agli allievi dei percorsi triennali di istruzione e formazione del Lazio, e per la prima volta anche alle scuole superiori di primo grado, ha erogato un premio di 1.000 euro per ciascuna delle sei migliori opere delle tre categorie di concorso, tramite gli istituti scolastici dove sono iscritti gli studenti risultati vincitori.

I vincitori

Scuole superiori di primo grado

Vincitore Multimediale

Sara Cristiano, 3C con "Stop alla violenza - La danza parla"

Istituto Comprensivo "A. Volta" di Latina

Vincitore Letterario

Simone Ferri, 3E

Istituto Comprensivo "Via Matteotti 11" di Cave (RM)

Vincitore Artistico

Partecipanti Sezioni 3D, E, F con "Interni per lividi e memorie"

Istituto Comprensivo "Ardea I" di Ardea (RM)

Scuole superiori di secondo grado

Vincitore Multimediale

Partecipanti Sezione 4A con "Pace Fatta"

Liceo Artistico "Midossi" di Vignanello (VT)

Vincitore Letterario

Alessandra Valeria Carletti, 3D con "Rosso"

Liceo Ginnasio "U. Foscolo" di Albano Laziale (RM)

Vincitore Artistico

Matteo Fiorentino, 5A con "Sfondate quelle sbarre, denunciate chi vi violenta, liberatevi"

Liceo Artistico "Guglielmotti" di Civitavecchia (RM)

Menzione speciale alle studentesse del Liceo artistico "E. Rossi" della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia.

OPEN DATA LAZIO, PETRANGOLINI: È UN PREMIO ALLA TRASPARENZA E ALLA BUONA AMMINISTRAZIONE

"Con il premio del Politecnico di Milano agli Open Data del Lazio cominciamo a raccogliere i frutti di questi primi 30 mesi di lavoro. Lo considero un riconoscimento alla trasparenza e alla buona amministrazione". A parlare è Teresa Petrangolini, consigliere regionale del Lazio (gruppo PD).

"La Giunta regionale - spiega Petrangolini - ha lanciato un portale open data che avvicinerà sempre più l'amministrazione ai cittadini. Questi potranno trovare un pacchetto sempre più esteso di informazioni sulle spese della Regione, sui progetti in corso di realizzazione e sulla sistema sanitario regionale"

"Grazie a questa iniziativa - conclude Petrangolini - i cittadini potranno godere di servizi migliori a partire dalle informazioni condivise e potranno controllare l'operato delle amministrazioni pubbliche regionali e il buon andamento dei servizi. Inoltre, le imprese potranno avere maggiori certezze e sempre più informazioni utili per partire con i loro progetti. Siamo davvero lieti che il Politecnico di Milano abbia riconosciuto questo lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
FrosinoneToday è in caricamento