Real Colosseum calcio (Prom), Centioni guarda avanti: «Brava Lepanto, ora testa ai play off»

La finale di Coppa Italia (giocata a Monterotondo) ha premiato la Lepanto Marino, impostasi con un 3-0 che magari non racconta del tutto l'equilibrio che c'è stato fino almeno a metà ripresa. «Un successo comunque meritato quello dei nostri...

la squadra del real colosseum che ha giocato la finale di coppa

La finale di Coppa Italia (giocata a Monterotondo) ha premiato la Lepanto Marino, impostasi con un 3-0 che magari non racconta del tutto l'equilibrio che c'è stato fino almeno a metà ripresa. «Un successo comunque meritato quello dei nostri avversari» ha ammesso a fine partita il tecnico del Real Colosseum David Centioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La squadra capitolina dovrà, dunque, giocare i play off per cercare di alimentare la speranza del salto di categoria: altre tre durissime partite per arrivare in fondo e agganciare il secondo salto di categoria consecutivo nei due anni di storia della società del presidente Sergio Maoloni. Si (ri)parte da Sermoneta, squadra seconda classificata nel girone D di Promozione e avversario certamente di grande spessore che avrà tra l'altro il vantaggio di giocare il turno unico di domenica prossima sul proprio campo. «Sapevamo prima della partita con la Lepanto – aggiunge Centioni – di avere due possibilità per tentare l'assalto all'Eccellenza: avremmo voluto evitare i play off, ma la squadra marinese è stata più brava di noi e ora dobbiamo rialzarci immediatamente lasciando alle spalle le scorie di questa partita». Un passo indietro per analizzare la finale di Coppa. «La gara è stata sostanzialmente equilibrata nella prima parte e un episodio sugli sviluppi di una palla inattiva ha contribuito a sbloccarla – rimarca Centioni – Prima dell'intervallo abbiamo avuto un paio di occasioni importanti per ripristinare la parità e probabilmente, se le avessimo concretizzate, la partita avrebbe potuto prendere un altro verso. Nel secondo tempo abbiamo provato a cambiare qualcosa inserendo un po' più di qualità, ma la Lepanto ha chiuso i conti con la rete del raddoppio e poi con quella definitiva del 3-0. Loro sono stati bravi a esercitare una pressione costante per tutta la partita soprattutto sul nostro possesso palla e alla fine, ripeto, hanno vinto con merito. Ora voltiamo pagina e pensiamo ai play off». Il gruppo capitolino avrà una settimana per cercare di smaltire le tossine del match di Monterotondo e presentarsi nelle migliori condizioni possibili all'appuntamento di Sermoneta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento