Regione, nel Lazio differenziata al 32,7%, raddoppiata rispetto al 2010 da trend su trattamento rifiuti nessun nuovo impianto previsto

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e l’Assessore ai Rapporti con il Consiglio, all’Ambiente e ai Rifiuti, Mauro Buschini, hanno presentato il Decreto sulla determinazione regionale in merito al fabbisogno degli impianti per il...

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e l’Assessore ai Rapporti con il Consiglio, all’Ambiente e ai Rifiuti, Mauro Buschini, hanno presentato il Decreto sulla determinazione regionale in merito al fabbisogno degli impianti per il ciclo dei rifiuti.

La Giunta regionale ha approvato la delibera per la determinazione del fabbisogno impiantistico elaborando i dati raccolti dalle province sulla produzione dei rifiuti nel Lazio. Dal 2013 ad oggi sono stati fatti molti progressi: la raccolta differenziata è salita dal 26,5% al 32,7% regionale (raddoppiata rispetto al 2010) ed in un solo anno ci si è adeguati alle normative nazionali ed europee le quali prevedono che siano trattati tutti i rifiuti raccolti. Nel 2013 la Giunta regionale, con uno dei primi atti dell’attuale amministrazione, ha sospeso lo scenario di controllo perché le motivazioni che avevano portato alla sua determinazione nel 2012 erano incoerenti con le previsioni normative: non si prendeva in considerazione né la riduzione dei rifiuti né un adeguato aumento di raccolta differenziata. L’incremento della raccolta differenziata, il trattamento integrale dei rifiuti indifferenziati, la valorizzazione delle frazioni umide ha portato ad una riduzione dell’utilizzo della discarica come soluzione finale rispetto al passato. Nello scenario preso in considerazione dagli uffici regionali si è evidenziato che gli impianti di trattamento TMB sono già dal 2016 sufficienti per le esigenze di trattamento del rifiuto urbano indifferenziato della regione, pertanto non è necessario pianificare nuovi impianti oltre quelli esistenti. Per quanto riguarda, invece, gli impianti di termovalorizzazione si ritiene che non sia necessario realizzarne nuovi visto la tendenza all’aumento, nei prossimi anni, della raccolta differenziata che dovrebbe raggiungere nel 2020 il 65% con un trend in crescita costante. Per questo motivo si è valutato, a differenza dei dati in possesso del Ministero dell’Ambiente, che non serve nessun nuovo impianto nel Lazio. Anzi ci si può fermare sull’impiantistica attualmente in esercizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

N.B. Sindaco Pierluigi Sanna di Colleferro, quando chiuderanno i termovalorizzatori della tua Città, dopo questa nota della Regione? Mai! Allora contro chi avete dimostrato con la manifestazione dell'altro giorno? Forse, contro voi stessi, che ancora credete ad un certo tipo di politica vecchia e stantia e state fuori dalla realtà economica e produttiva del Lazio. ( G.Fla.)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento