Roma, a Centocelle alla guida di un’auto rubata fugge alla vista dei carabinieri in manette un 23enne

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno arrestato un cittadino marocchino di 23 anni, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine, bloccato dopo un breve inseguimento, alla guida di un’auto...

la-droga-sequestrata-al-giovane-pusher-2

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno arrestato un cittadino marocchino di 23 anni, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine, bloccato dopo un breve inseguimento, alla guida di un’auto rubata.

In transito in via dei Quintili, alla vista di una pattuglia dei Carabinieri, il giovane che guidava una Renault Megane ha improvvisamente accelerato la marcia, tentando di dileguarsi.

Ne è nato un breve inseguimento, terminato in via Camillo Manfroni dove i Carabinieri lo hanno bloccato.

Dai successivi accertamenti è emerso che l’autovettura era stata rubata il mese scorso.

Dopo l’arresto, il cittadino marocchino è stato accompagnato presso il Carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il mezzo rubato è stato restituito al proprietario.

NASCONDEVA DROGA IN CAMERA DA LETTO – CARABINIERI ARRESTANO PUSHER.

I Carabinieri della Stazione di Villa – Bonelli hanno arrestato in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti un giovane 26enne. Il giovane da qualche tempo era monitorato dai militari insospettiti dai suoi movimenti in città e dalle sue frequentazioni. Il blitz è scattato l’altra sera quando i Carabinieri hanno deciso di fare irruzione nella sua abitazione. Nella sua camera da letto sono stati trovati 25 g di cocaina, due bilancini utilizzati per la pesatura della droga e tutto l’occorrente per la preparazione ed il confezionamento delle dosi. L'arrestato, come disposto dall'autorità giudiziaria, è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida.

eur-la-droga-sequestrata-al-giovane-pusher-1

UN ARRESTO E UNA DENUNCIA DA PARTE DEI CARABINIERI AL CARA DI CASTELNUOVO DI PORTO.

A seguito di specifici ed intensificati servizi di controllo presso il centro di accoglienza richiedenti asilo di Castelnuovo di Porto, nelle ultime 48 ore, i Carabinieri della Compagnia di Bracciano, con ausilio dei militari dell’8^ Reggimento “Lancieri di Montebello” dell’Esercito Italiano, sono intervenuti in due distinti episodi, per violazioni della legge sugli stupefacenti.

Per il primo episodio, avvenuto due giorni fa, un cittadino nigeriano di 21 anni è stato arrestato mentre per il secondo, avvenuto questa notte, un cittadino eritreo di 21 anni è denunciato in stato di libertà. Entrambi i fatti sono stati notati dai Carabinieri attraverso la vigilanza lungo la rete perimetrale del CARA.

Il cittadino nigeriano, notato scambiarsi un involucro con un’altra persona, attraverso la recinzione, è stato raggiunto dai Carabinieri nella sua camera e trovato in possesso di 18 dosi di marijuana, una busta contenente ulteriori 70 g della stessa sostanza nonché 590 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuto provento dell’attività illecita, il tutto nascosto sotto il letto.

Introdottosi, senza autorizzazione, attraverso la recinzione perimetrale, il cittadino eritreo è stato invece fermato e trovato in possesso di 5 g di eroina e 380 euro in banconote di vario taglio.

carabinieri-bracciano-al-cara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento