Roma, a Centocelle prima bevono insieme e poi si accoltellano

Una settimana fa accoltello’ un conoscente dopo una serata trascorsa insieme a bere qualche bicchiere di troppo.Individuato e arrestato dai carabinieri.

Una settimana fa accoltello’ un conoscente dopo una serata trascorsa insieme a bere qualche bicchiere di troppo.Individuato e arrestato dai carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine di una laboriosa attività d’indagine, i Carabinieri della Stazione Roma Centocelle hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria un cittadino della Mauritania di 30 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, con l’accusa di tentato omicidio. I militari sono riusciti a fare luce su un fatto di sangue avvenuto meno di una settimana fa in via dei Ginepri. Nella serata del 29 luglio scorso, infatti, personale del “118” intervenne in soccorso di un cittadino delle Mauritius di 24 anni che presentava una ferita da taglio all’addome. Il giovane fu trasportato al Policlinico Casilino dove venne sottoposto a un intervento chirurgico e, successivamente, ricoverato in prognosi riservata. Le indagini dei Carabinieri della Stazione Roma Centocelle, scattate subito dopo il ferimento, hanno consentito di raccogliere preziosi elementi di informazione grazie alle ricostruzioni fornite da alcuni testimoni e, in un secondo momento, di localizzare la posizione dell’aggressore tramite un’attività di tipo tecnico. Il 30enne, per sua stessa ammissione fa il venditore ambulante abusivo di oggetti artigianali in legno, si era rifugiato in un locale dismesso della zona del Torrino Nord. Interrogato sui motivi che lo hanno portato ad accoltellare il suo amico, il giovane ha riferito di aver trascorso con lui la serata e, dopo aver alzato un po’ troppo il gomito, di aver discusso con lui per futili motivi. Il cittadino mauritano è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La vittima, invece, è stata dimessa ieri dal Policlinico Casilino con una prognosi di 30 gg.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento