Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Roma

Roma, a Torvaianica picchiati per rapinare la maglia di “Balotelli”. 2 cittadini tunisini arrestati dai carabinieri per rapina e lesioni personali

Due ragazzi di 19 e 22 anni di Pomezia, che attendevano l’arrivo dell’autobus, sono stati presi di mira da due cittadini tunisini che, armati di bastone e coltello, li hanno minacciati e feriti facendosi consegnare il portafogli e la maglia della...

Due ragazzi di 19 e 22 anni di Pomezia, che attendevano l'arrivo dell'autobus, sono stati presi di mira da due cittadini tunisini che, armati di bastone e coltello, li hanno minacciati e feriti facendosi consegnare il portafogli e la maglia della nazionale italiana di calcio, con la dicitura "BALOTELLI 9", che uno di loro indossava, lasciandolo a torso nudo.

L'episodio è accaduto nel primo pomeriggio a Torvaianica, sul litorale a sud della Capitale. I due malcapitati sono stati soccorsi da alcuni passanti che hanno chiamato il 112. I Carabinieri sono immediatamente intervenuti e, dopo aver acquisito le informazioni dai testimoni, hanno fatto scattare le ricerche dei due rapinatori. Poco dopo, i Carabinieri della Stazione di Torvaianica li hanno scoperti in una baracca, allestita nei pressi di un arenile in zona Campo Ascolano, nella quale hanno anche rinvenuto e sequestrato la maglia da calciatore che avevano rapinato e il bastone e il coltello utilizzati per compiere il reato. Si tratta di un 23 enne e un 24 enne, entrambi cittadini tunisini, che sono stati arrestati con l'accusa di rapina e lesioni personali.

Le vittime, medicate presso la Casa di Cura Sant'Anna di Pomezia, sono state dimesse: con tre giorni di prognosi il 22enne e con quattro giorni di prognosi il 19enne al quale è stata riscontrata una lieve ferita da punta alla coscia destra. Gli arrestati sono stati tradotti presso il carcere di Velletri, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

ROMA - CARABINIERI ARRESTANO IL PIROMANE DI SAN LORENZO. SETTE CASSONETTI DATI ALLE FIAMME. ERA PRONTO PER METTERE A SEGNO ALTRI COLPI.

Sette cassonetti dell'immondizia in fiamme e decine di telefonate al "112" hanno fatto scattare l'allarme piromani nel cuore della notte a San Lorenzo. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, seguendo la scia degli incendi, sono riusciti a individuare e bloccare l'incendiario, un 59enne romano, nella Capitale senza fissa dimora e già conosciuto dalle forze dell'ordine.

Quando è stato fermato, l'uomo aveva in tasca numerosi batuffoli in cotone imbevuti di liquido infiammabile, utilizzati come innesco e pronti ad essere utilizzati, una bottiglia contenente del liquido combustibile, due accendini e un coltello a serramanico.

Oltre all'arresto con l'accusa di incendio doloso, per il 59enne è scattata anche la denuncia a piede libero per possesso di armi e oggetti atti ad offendere.

Federix - Federica Castello

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, a Torvaianica picchiati per rapinare la maglia di “Balotelli”. 2 cittadini tunisini arrestati dai carabinieri per rapina e lesioni personali

FrosinoneToday è in caricamento