Roma, all’Anagnina, ubriachi molestano una passeggera della metro e oppongono resistenza ai carabinieri che li arrestano

La scorsa notte, presso la fermata metro Anagnina, i Carabinieri della Stazione Roma Appia, coadiuvati dai militari dell’Esercito, impiegati nell’ambito dell’operazione “strade sicure”, hanno arrestato due cittadini romeni di 20 e 21 anni, già con...

Arresti 1

La scorsa notte, presso la fermata metro Anagnina, i Carabinieri della Stazione Roma Appia, coadiuvati dai militari dell’Esercito, impiegati nell’ambito dell’operazione “strade sicure”, hanno arrestato due cittadini romeni di 20 e 21 anni, già con precedenti, dopo essersi opposti con violenza al controllo.

I Carabinieri erano intervenuti su richiesta di una donna che lamentava di essere stata molestata dai due soggetti. Una volta individuati, alla richiesta di fornire le generalità, i due cittadini romeni, in forte stato di alterazione psicofisica, dovuto all’assunzione di alcolici, si sono scagliati violentemente contro i Carabinieri e i militari dell’esercito, venendo comunque bloccati e arrestati.

I due balordi sono stati condotti in caserma per essere condotti questa mattina presso le aule di piazzale Clodio per il rito direttissimo.

4 RAPINATORI ARRESTATI IN POCHE ORE DAI CARABINIERI.

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato, in due diversi episodi, quattro rapinatori: due cittadini romeni di 40 e 45 anni e due cittadini marocchini di 21 e 29 anni, tutti già conosciuti alle forze dell’ordine, con l’accusa di rapina in concorso. I primi due a finire in manette sono stati i cittadini romeni che in piazza della stazione Tuscolana, hanno aggredito, colpendolo a calci e pugni, un cittadino ucraino di 24 anni per rubargli la catenina in oro che aveva al collo. A seguito della segnalazione giunta al 112, da parte della vittima, i Carabinieri li hanno rintracciati ed arrestati mentre tentavano di dileguarsi con la refurtiva che è stata recuperata e riconsegnata alla vittima. Gli stessi Carabinieri, poco dopo, sono intervenuti nei pressi di piazza S. Martino ai Monti, dove due cittadini marocchini si sono introdotti furtivamente all’interno di un camper in sosta, rubando due cellulari. Il proprietario, un 50enne tedesco in vacanza con la moglie, li ha scoperti ed ha ingaggiato con loro una colluttazione nel tentativo di fermarli.

Anche in questo caso è stata la chiamata al 112 fatta dalla vittima che ha permesso ai Carabinieri di rintracciare e ed arrestare i due rapinatori, recuperando anche i cellulari che sono stati riconsegnati alla coppia di turisti tedeschi. I quattro rapinatori arrestati dai militari sono stati accompagnati in caserma e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

CONTROLLI ANTIDROGA DEI CARABINIERI.PASSATE AL SETACCIO PIGNETO, SAN LORENZO, TRASTEVERE, EUR E CASILINO. 11 PUSHER ARRESTATI, QUASI 4 KG DI STUPEFACENTE SEQUESTRATO.CAMERIERE PUSHER SORPRESO CON 2,2 KG DI HASHISH E 40 GRAMMI DI MARIJUANA.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, con decine di militari, in abiti civili e in divisa, con l’ausilio di unità cinofile addestrate alla ricerca di sostanze stupefacenti, sono stati impiegati in una massiccia operazione di controllo finalizzata ad arginare lo smercio di droga in alcuni dei quadranti della Città più sensibili a questo tipo di fenomeno quali il Pigneto, Trastevere, l’Eur, San Lorenzo e Torpignattara. Il bilancio parla di 11 pusher arrestati e quasi 4 chili di droga sequestrata, tra marijuana, hashish, eroina e cocaina.

In particolare sono finiti in manette tre romani ed otto cittadini stranieri, (quattro tunisini, due del cittadini del Gambia, uno della Guinea ed uno della Costa d’Avorio), perlopiù già noti alle forze dell’ordine e di età compresa trai 19 ed i 44 anni. Tra i numerosi arresti dei Carabinieri spicca in particolare quello effettuato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, che in via Valloriate, in zona Casalotti, hanno arrestato un cittadino romano di 28 anni, cameriere con precedenti, trovato in possesso di circa 40 gr. di cocaina. La successiva perquisizione domiciliare estesa a casa del pusher ha permesso ai militari di rinvenire altri 2,2 kg di marijuana suddivisa in panetti da 100 g ognuno, tutto sequestrato.

Il giovane dopo l’arresto è stato associato al carcere di Regina Coeli. Gli altri dieci pusher arrestati dai Carabinieri sono stati accompagnati in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. Tutti dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

ARDEA/TOR SAN LORENZO – SEQUESTRATO ED AGGREDITO A SEGUITO DI UNA BANALE DISCUSSIONE.CARABINIERI SALVANO LA VITTIMA ED ARRESTANO GLI AUTORI DELLA SPEDIZIONE PUNITIVA.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio hanno arrestato tre persone, un italiano, un albanese ed un egiziano, rispettivamente di 42, 27 e 24 anni, tutti con precedenti penali, responsabili di sequestro di persona, lesioni personali aggravate e rapina. Lo scorso pomeriggio nei pressi di una pizzeria, di Tor San Lorenzo, per cause ancora in corso di accertamento, ma verosimilmente legate alla riscossione del ricavato di alcune macchinette, che vendono giochi per bambini, installate presso il locale in questione, è scaturita una lite fra due italiani.

Poco dopo l’aggressore si è presentato nel locale in compagnia di altre tre persone straniere. Hanno cercato in un primo momento di caricare la vittima nel cofano dell’auto, dei 3 stranieri e non riuscendovi lo hanno fatto salire, sempre con la forza, sui sedili posteriori e trasportato in una zona isolata nei pressi di via del Radiofaro. Una volta giunti sul posto gli aggressori hanno fatto scendere il sequestrato dal mezzo ed hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni in più parti del corpo, utilizzando anche un bastone e alcuni arnesi da lavoro nella loro disponibilità. L’intervento immediato di una pattuglia dei militari, giunta su indicazione di alcuni cittadini che avevano assistito alla scena, ha posto fine alla violenta aggressione evitando conseguenze più gravi per la vittima. I militari al loro arrivo hanno trovato la vittima a terra piena di sangue, sono riusciti a bloccare l’italiano ed hanno richiesto l’intervento del 118 che è giunto dopo pochi minuti. Sul posto in ausilio sono giunti anche i militari dell’Aliquota Operativa, che hanno invece catturato poco distante altri due aggressori, che erano fuggiti unitamente ad un loro complice. Sul posto i carabinieri a seguito del sopralluogo hanno rinvenuto il bastone ed altri arnesi, ancora sporchi di sangue, utilizzati per colpire la vittima nonché le due autovetture. L’aggredito, trasportato presso la Clinica Sant’Anna, a causa delle fratture e lesioni riportate è stato ricoverato in attesa di essere sottoposto ad un eventuale intervento chirurgico, ne avrà per 30 giorni circa. Gli arrestati sono stati arrestati ed associati presso la casa circondariale di Velletri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento