Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Roma

Roma, alla Collatina moglie chiama i carabinieri e fa arrestare marito violento

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino romeno di 32 anni, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce a Pubblico Ufficiale.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino romeno di 32 anni, già noto alle forze dell'ordine, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce a Pubblico Ufficiale.

L'uomo, ieri sera, in evidente stato di ebbrezza alcolica, ha fatto rientro nella sua abitazione, in via delle Mandrie, in zona Collatina, e dopo un acceso diverbio con la moglie, una 35enne connazionale, scaturito per futili motivi, ha impugnato un grosso bastone, minacciandola ripetutamente di picchiarla, tutto in presenza del loro figlio di pochi anni.

Ad allertare i Carabinieri è stata la stessa donna che, esasperata dai continui maltrattamenti subiti, ha chiamato il 112.

All'arrivo dei Carabinieri, l'uomo è andato su tutte le furie minacciando anche i militari ma è stato subito bloccato ed arrestato. La donna ha poi riferito ai militari che già in passato il marito si era reso protagonista di episodi analoghi, ma non aveva mai avuto il coraggio di denunciarlo.

La donna, molto provata, ha anche mostrato ai Carabinieri un coltello a serramanico che il 32enne nascondeva nel comodino della camera da letto, utilizzato durante le minacce.

Il marito violento, dopo l'arresto, è stato accompagnato in caserma e trattenuto in attesa del rito direttissimo. Sequestrati sia il bastone che il coltello.

CASILINA - TRE LADRI D'APPARTAMENTO SORPRESI ED ARRESTATI DAI CARABINIERI. AVEVANO APPENA "RIPULITO" L'ABITAZIONE DI UNA COPPIA DI ROMANI N VACANZA.

I Carabinieri della Stazione Roma Appia e della Stazione Roma Centocelle, unitamente ai militari del Nucleo Radiomobile di Roma, hanno arrestato tre uomini rispettivamente di 27, 35 e 37 anni, di origini romene, tutti con precedenti, con l'accusa di furto aggravato, possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

I tre, questa notte, in via Romolo Lombardi, in zona Casilina, hanno forzato il portone d'ingresso del palazzo e poi si sono introdotti all'interno di un appartamento, approfittando anche dell'assenza dei padroni di casa che erano fuori per trascorre qualche giorno di ferie.

Il vicino di casa, allarmato da alcuni rumori sospetti, ha immediatamente chiamato il 112. All'arrivo dei Carabinieri i ladri sono stati fermati proprio mentre si stavano dileguando con la refurtiva: oro e soldi. Inutile anche il tentativo dei tre di evitare le manette con spintoni, sono stati bloccati ed arrestati.

I Carabinieri li hanno trovati ancora in possesso della refurtiva che sarà riconsegnata ai proprietari di casa. Rinvenuti e sequestrati alcuni arnesi da scasso utilizzati dai ladri per forzare il portone. Dopo l'arresto i tre nomadi sono stati condotti in caserma dove attenderanno di essere sottoposti al rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, alla Collatina moglie chiama i carabinieri e fa arrestare marito violento

FrosinoneToday è in caricamento