Roma

Roma e Marino, ancora mariti e compagni violenti, un arresto e due denunce dei carabinieri

Ennesime brutte storie di violenza domestica. Nelle ultime ore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato una persona, altre due sono state denunciate a piede libero,

Ennesime brutte storie di violenza domestica. Nelle ultime ore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato una persona, altre due sono state denunciate a piede libero, con l'accusa di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. In due casi le aggressioni subite dalle donne sono avvenute di fronte ai rispettivi figlioletti di 4 e 7 anni.

A finire in manette, nella tarda serata di ieri, è stato un impiegato romano di 45 anni, domiciliato a Marino: l'uomo, al culmine dell'ennesima lite con la convivente, una casalinga di 41 anni, ha iniziato a colpirla con calci e pugni provocandole un trauma cranico e varie ferite alla testa e al volto. I Carabinieri della Stazione Roma Santa Maria delle Mole, su segnalazione giunta al "112", sono intervenuti nella loro abitazione, bloccando l'uomo che, anche davanti ai militari, ha tentato nuovamente di scagliarsi contro la donna. Il 45enne è stato arrestato e portato in caserma in attesa del rito direttissimo mentre la sua vittima, trasportata al pronto soccorso dell'ospedale "San Giuseppe" di Albano Laziale, è stata giudicata guaribile in 15 giorni.

Qualche ora prima, una 43enne romana si era presentata nella caserma dei Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola per denunciare una lunga storia di percosse subìte dall'ex compagno, un tassista romano di 42 anni.

La loro storia era terminata lo scorso mese di luglio proprio per i comportamenti violenti assunti dall'uomo a partire dall'autunno dello scorso anno. Qualche giorno fa, dopo una discussione fatta in presenza della loro figlia di 4 anni, il tassista ha colpito con una testata al volto la donna, provocandole lesioni giudicate guaribili in 20 giorni. I Carabinieri si sono messi subito in moto per rintracciare l'ex violento con la collaborazione dei militari della Stazione Roma Quadraro. Gli uomini dell'Arma, dopo averlo raggiunto, hanno proceduto cautelativamente al sequestro amministrativo di due pistole e di 70 proiettili che l'uomo deteneva regolarmente nella sua abitazione.

Poco dopo, a finire nei guai è stato un cittadino egiziano di 37 anni: in questo caso ad intervenire sono stati i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma e della Stazione Roma Porta Portese, che hanno denunciato l'uomo per aver picchiato la moglie, una ragazza connazionale di 30 anni. Anche in questo caso la lite e l'aggressione sono avvenute di fronte alla figlioletta della coppia di 7 anni. Dopo le cure prestate dai sanitari dell'ospedale "San Camillo", la vittima si è immediatamente rivolta ad un centro antiviolenza dell'ospedale, che provvederà a trasferire la donna e sua figlia in una struttura protetta messa a disposizione dal Comune di Roma.

VIA NAZIONALE - STALKER SI APPOSTA PER SPIARE LA EX MENTRE LAVORA. 26ENNE CITTADINO ROMENO ARRESTATO DAI CARABINIERI. LE MANDAVA FINO A 30 SMS AL GIORNO.

Un cittadino romeno di 26 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quirinale, con l'accusa di stalking. Carabinieri di pattuglia, in transito in via Nazionale, lo hanno notato mentre era appostato nei pressi di un bar e, insospettiti dal suo strano atteggiamento, lo ha controllato. Il 26enne ha riferito ai Carabinieri che era lì in attesa della sua ragazza, una 26enne connazionale che lavora all'interno del bar. A questo punto i militari hanno contattato la donna per chiederle se fosse realmente così, ma lei in lacrime ha riferito di essere perseguitata da quell'uomo, con il quale ha avuto una relazione sentimentale durata circa due anni ma interrotta lo scorso mese di maggio a causa delle continue violenze subite. Il 26enne però, che non accettava la fine del rapporto, aveva cominciato a pedinarla, a telefonarle di continuo e ad inviarle fino a 30 sms al giorno, chiedendole di ritornare con lui. Lo scorso mese di settembre, la vittima, esasperata, lo aveva anche denunciato. Lo stalker è stato così immediatamente arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quirinale e tradotto presso il Carcere di Regina Coeli, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

TOR BELLA MONACA - TENTA DI STRAPPARE LA COLLANA IN ORO AD UNA DONNA E ALL'ARRIVO DEI CARABINIERI CERCA DI CONFONDERSI TRA I CLIENTI DI UN BAR.

I Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato un 48enne romano, già noto alle forze dell'ordine, con l'accusa di tentata rapina e ricettazione. L'uomo, a bordo di uno scooter, risultato poi rubato, è entrato nel parcheggio di un centro commerciale di via Borghesiana ed ha avvicinato una 72enne romana tentando di strapparle la collana in oro.

L'inaspettata e decisa reazione della vittima ha fatto desistere il rapinatore che è fuggito a mani vuote. Un testimone ha informato il pronto intervento 112 con il proprio cellulare, allertando i Carabinieri dell'accaduto. Poco dopo i militari sono giunti sul posto e dopo una battuta in zona sono riusciti a rintracciare il rapinatore mentre si trovava all'interno di un bar.

L'uomo alla vista delle divise ha tentato invano di confondersi tra i clienti dell'esercizio pubblico ma è stato comunque bloccato ed arrestato. Dopo essere stato ammanettato, il 48enne è stato accompagnato in caserma in attesa del rito direttissimo, mentre lo scooter è stato recuperato e riconsegnato al proprietario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma e Marino, ancora mariti e compagni violenti, un arresto e due denunce dei carabinieri

FrosinoneToday è in caricamento