Martedì, 19 Ottobre 2021
Roma

Roma, erano il terrore dei commercianti dei quartieri Centocelle- Cinecittà, sette rapine in 10 giorni. Arrestati dai carabinieri dopo complesse indagini in due

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a 2 rapinatori seriali che in dieci giorni avevano messo a segno 7 rapine ai danni di commercianti della zona sud-est...

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a 2 rapinatori seriali che in dieci giorni avevano messo a segno 7 rapine ai danni di commercianti della zona sud-est della Capitale ed in particolare dei quartieri di Centocelle e Cinecittà.Per giorni, la scorsa estate, gli abitanti e i negozianti della zona erano stati gettati nel panico da una banda armata che era riuscita a portare a compimento i colpi ai danni di supermercati, farmacie, ristoranti e distributori di carburante. I Carabinieri, esaminando le registrazioni degli impianti di video-sorveglianza presenti in un supermercato e due farmacie oggetto delle rapine, grazie alla conoscenza del territorio, mediante la comparazione tra le immagini estrapolate e quelle già in archivio, nonché la collaborazione degli impiegati degli esercizi commerciali rapinati, sono riusciti ad individuare i malviventi in P. M., romano di 25 anni residente ad Aprilia e M. M., di 33 anni, romano residente nella Capitale. I due erano tutti uniti da una vita dedita alla violenza ed un passato di piccoli ma allarmanti reati che li avevano portati ad essere conosciuti alle forze dell'ordine.

Quest'ultimi, sfruttando le reciproche conoscenze, erano riusciti con il tempo a perfezionare un modus operandi tanto organizzato e complesso da portarli ad approntare un covo costituito da un appartamento occupato all'interno di un palazzo-alveare di case popolari in zona Cinecittà, non riconducibile ad alcuno di loro, grazie alla connivenza di terze persone, che utilizzavano unicamente come base dove pianificare metodicamente i colpi da mettere a segno. Prima di ogni colpo, era immancabile il sopralluogo nell'esercizio prescelto: i Carabinieri hanno verificato, infatti, che i rapinatori si presentavano all'interno dei loro "obiettivi" uno o due giorni prima del colpo e facevano regolarmente alcuni acquisti. E' stata proprio questa abitudine a tradire i due giovani. Per giungere sul luogo dove commettere le rapine e successivamente per garantirsi la fuga, i due utilizzavano piccole utilitarie rubate nei giorni precedenti nella zona del Casilino. La complessa attività di indagine ha portato al rinvenimento di due delle autovetture utilizzate per compiere le rapine (a bordo delle quali sono state rilevate le impronte digitali di un componente della banda), di un coltello ed un berretto abbandonati su una delle scene del crimine da uno degli autori.

Nel corso dell'attività investigativa sono state anche eseguite numerose perquisizioni nella Capitale e sul litorale, che hanno permesso di far emergere ulteriori elementi corroboranti al già completo quadro accusatorio. La notifica dell'ordinanza di custodia cautelare, per rapina aggravata in concorso, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale Ordinario di Roma, Dott. Nicola DI GRAZIA, che ha accolto la richiesta del P.M., Dott.ssa Rosalia AFFINITO, è stata eseguita dai Carabinieri rispettivamente nella Casa Circondariale di Roma Regina Coeli e in quella di Frosinone, dove i destinatari si trovano già ristretti per precedenti reati contro il patrimonio.

POMEZIA - FURTO DI ACCIAIO IN AZIENDA, ARRESTATI 5 STRANIERI. SI ERANO INTRODOTTI ALL'INTERNO DI UN'AZIENDA DISMESSA PER FARE RAZZIA DI ALLUMINIO, RAME E FERRO MA SONO STATI SORPRESI DAI CARABINIERI.

I Carabinieri della Compagnia di Pomezia, a conclusione di operazione di controllo del territorio, finalizzata al contrasto dei reati contro il patrimonio che continua ininterrottamente su tutto il territorio, individuavano in delle Gardenie n. 33 uno stabilimento industriale dismesso, Lighting Italia SRL, dal quale provenivano assordanti rumori. Nel corso dell'ispezione all'interno dell'azienda, i militari dell'Aliquota Radiomobile sorprendevano ed arrestavano in flagranza di furto aggravato, cinque uomini, tra i 30 e 42 anni, tutti senza fissa dimora e di nazionalità romena, intenti a rubare materiali ferrosi di alluminio e rame, che, ammucchiati, venivano caricati nella loro autovettura, poi sottoposta a sequestro. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati ad individuare, dove la merce, facilmente vendibile sul mercato, veniva convogliata.

FONTANA DI TREVI - CARABINIERE DEL REPARTO PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA BLOCCA "MANOLESTA" IN AZIONE NEI PRESSI DI UNA GELATERIA.

Un Carabiniere del Nucleo Quirinale del Reparto Carabinieri Presidenza della Repubblica in servizio di vigilanza dinamica ha sventato un borseggio ai danni di una turista giapponese nei pressi di Fontana di Trevi, arrestando un 35enne romeno, già conosciuto alle forze dell'ordine, con l'accusa di furto aggravato. L'uomo ha avvicinato un gruppetto di turisti giapponesi in fila davanti a una gelateria di via della Panetteria e, approfittando della calca, ha allungato le mani nella borsa di una 38enne sfilando un portafogli e fuggendo via subito dopo. Peccato per lui che il Carabiniere della Presidenza della Repubblica, allertato dalla guida turistica in capo al gruppo di giapponesi, lo ha inseguito e bloccato. In ausilio è giunta una pattuglia della Stazione Carabinieri Roma Vittorio Veneto che ha portato in caserma il borseggiatore per la redazione del verbale di arresto, in attesa del rito direttissimo.

TOR SAPIENZA - TENTANO DI INTRODURSI IN CASA MA VENGONO SCOPERTI DALLA PROPRIETARIA CHE ALLERTA I CARABINIERI.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato due cittadini romeni ed uno italiano, rispettivamente di 25, 34 e 36 anni, tutti già noti alle forze dell'ordine, con l'accusa di tentato furto aggravato in abitazione in concorso. I tre uomini, in via Carlo Montani, in zona Tor Sapienza, hanno scavalcato la recinzione di un giardino, e una volta all'interno, hanno tentato di forzare la grata di una finestra di un appartamento al primo piano, cercando così di entrare in casa. Sfortunatamente per loro, la proprietaria, una 60enne romana che si trovava all'interno dell'abitazione in quel momento, ha sentito degli strani rumori e immediatamente ha allertato il 112. Sul posto è immediatamente giunta una pattuglia dei Carabinieri. I tre topi d'appartamento alla vista dei militari dell'Arma hanno tentato di dileguarsi a bordo della loro auto, ma sono stati subito bloccati ed arrestati. Dalla perquisizione fatta dai Carabinieri all'interno dell'auto sono stati rinvenuti e sequestrati numerosi arnesi da scasso. Dopo l'arresto i tre sono stati accompagnati in caserma, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

CONSERVA LE CHIAVI DELL'APPARTAMENTO DELLA SUA EX E VI ENTRA PER RUBARE. ARRESTATO DAI CARABINIERI.

Aveva conservato gelosamente una copia delle chiavi dell'appartamento in cui aveva convissuto con la sua ex, probabilmente pensando già al suo intento vendicativo nei confronti della donna che l'aveva lasciato e buttato fuori. Così un 49enne di Nettuno, atteso pazientemente che la sua vecchia compagna si allontanasse dalla casa di via Tor dé Schiavi, è entrato in azione: la serratura non era stata cambiata, è entrato e, per punire la donna, ha arraffato i soldi che erano in un portafogli lasciato su un mobile, circa 200 euro. Per sua grande sorpresa, la vittima, rincasata anzitempo, lo ha sorpreso mentre stava rovistando in altre stanze e non ha esitato a contattare il "112". La Centrale Operativa dei Carabinieri ha inviato sul posto una "gazzella" del Nucleo Radiomobile di Roma: i militari hanno ammanettato l'uomo portandolo in caserma, dove attenderà di essere sottoposto al rito direttissimo. Deve rispondere di furto in abitazione aggravato.

DISPONIBILI ALCUNI CORSI DA PARTE DELL'ASSOCIAZIONE GENUENSIS

L'Associazione Genuensis C.I.C - senza scopo di lucro - con la collaborazione dell'UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo- Università di Castel Sant'Angelo Roma), con il patrocinio della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Camerino hanno attivato per l'anno 2013 le seguenti iniziative consultabile sul sito www.genuensecm.org;

"Corso di Alta Formazione - Master in INTELLIGENCE E ANALISI", con l'Associazione ARGOS ONLUS, con la collaborazione dell'UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo- Università di Castel Sant'Angelo Roma), con la collaborazione dell'ANVU e UGL PS.

"Corso di Alta Formazione DIRITTO DELLE SUCCESSIONI", con il CENTRO SUCCESSIONI ITALIANO, con la collaborazione dell'UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo- Università di Castel Sant'Angelo Roma), con la collaborazione dell'ANVU e UGL PS.

"Corso di Alta Formazione - Master PER AGENTI E SOTTUFFICIALI NON IN POSSESSO DI LAUREA (L) FORMATIVO PER L'ACCESSO ALLA CATEGORIA GIURIDICA D1 PER UFFICIALI DI POLIZIA LOCALE", con la collaborazione dell'UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo- Università di Castel Sant'Angelo Roma), e con la collaborazione dell'ANVU (associazione professionale di polizia locale d'italia e l'associazione UGL Polizia di Stato.

"Corso di Alta Formazione - Master in Esperto in Diritto dell'Immigrazione e Mediazione Cultutrale", con l'Associazione WECARE di promozione sociale, con la collaborazione dell'UNLA-UCSA (Unione Nazionale per la Lotta contro l'Analfabetismo- Università di Castel Sant'Angelo Roma), con la collaborazione della BCC di Vignole e Montagna Pistoiese, con la Croce Rossa Italiana - Comitato Locale della Piana Pistoiese - Agliana Montale Quarrata, con il patrocinio del Ministero dell'Interno (attesa riscontro concessione), con il riconoscimento di 24 crediti dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Prato, della Provincia di Firenze, Pistoia e di Prato, della città di Lucca, Comune di Quarrata, Agliana e Montale(PT), della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Camerino e dell'ANVU e UGL PS.

"Corso di Alta Formazione - Master in Criminologia-Criminalistica ed Interventi di Antipedofilia" con il patrocinio dell'Associazione on lus Meter, da sempre a difesa dei minori, con la Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale Abruzzo, con il patrocinio della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Camerino e dell'A.N.V.U. e U.G.L. P.S-

E' applicato lo sconto in varia misura ai dipendenti della P.A., civili e militari, a coloro che sono indicati nel bando, agli associati della "GenuenSIS", agli associati ANVU - UGL, associati We Care, operatori di primo soccorso, Croce Rossa Italiana.

Per coloro che sono interessati al Corso, tuttavia ostacolati da impedimenti per la frequenza in aula, potranno presentare alla Direzione didattica un'istanza al fine del rilascio dell'autorizzazione alla frequenza a distanza, ovvero e-learning.

Per informazioni si dovrà consultare il sito - https://www.genuensecm.org/ o per maggiori dettagli Tel. e fax(automatico) 010/532577 (orario info 17°°-19°°) o cell. 3487327489 - cell. 328-7486851 - 06 688 04301

Nell'intento di aver colto l'interesse delle SS.VV. evidenziamo nel dettaglio:

- accedere allo sconto previsto nel modulo di iscrizione;

- crediti avvocati riconosciuti dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati competente;

- dilazionare il pagamento in piu rate oltre le tre previste ed in ogni modo nella maniera più agevolata per il richiedente previa richiesta alla direzione;

- precisare la frequenza on-line per chi ha problemi di frequentare il corso in aula;

- per il personale degli Enti pubblici, militari o civile, richiedere aggiornamento del curriculum come l'allegato fac simile;

- per gli studenti universitari o gli aspiranti tali, richiedere alle Università statali pubbliche convenzionate con questa associazione il riconoscimento dei c.f. della propria carriera e studi fatti per il percorso di laurea:

-richiedere Crediti F. anche a Università diverse con istanza alla relativa commissione Didattica per la concessione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, erano il terrore dei commercianti dei quartieri Centocelle- Cinecittà, sette rapine in 10 giorni. Arrestati dai carabinieri dopo complesse indagini in due

FrosinoneToday è in caricamento