menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma, la seconda conferenza dei servizi sulla villa di Massenzio va deserta. A San Cesareo ancora tutto fermo

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Dopo aver stabilito, in occasione della prima seduta conferenza dei servizi tenutasi il 23 settembre 2014, l’esigenza fornire documentazione integrativa ed aver fissato la seduta conclusiva con il termine di 45 giorni...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Dopo aver stabilito, in occasione della prima seduta conferenza dei servizi tenutasi il 23 settembre 2014, l'esigenza fornire documentazione integrativa ed aver fissato la seduta conclusiva con il termine di 45 giorni dall'esito della prima; dopo aver spostato, a causa del ritardo del promotore nel fornire la documentazione integrativa richiesta, la seduta conclusiva a data da destinarsi;

dopo che il comune di San Cesareo ha finalmente indetto la seduta per il giorno 16, poi nuovamente spostata al giorno 17 dicembre 2014 alle ore 11,30 presso gli uffici della Regione Lazio in via del Giorgione, 129 Roma; dopo tutto ciò? la seconda seduta della conferenza dei servizi per la "Realizzazione del nuovo complesso parrocchiale di San Giuseppe", è rimasta aperta?

Ovvero gli enti interessati non si sono presentati.

Una delegazione del Comitato di Difesa del Territorio era presente fin dalle ore 11,00 in via del Giorgione, ma nessuno è stato visto salire ai "piani alti". A tenerci compagnia le forze dell'ordine e passanti incuriositi.

Forse che la documentazione integrativa richiesta, non sia stata abbastanza "integrativa"?

Forse che non sia stata consegnata con un debito anticipo e si cerchi, diversamente, di forzare i tempi?

Forse che non sia così semplice formulare un parere favorevole, per un progetto di edificazione che andrebbe a compromettere per sempre le tracce del nostro passato, le possibilità per uno sviluppo più sostenibile del presente, le opportunità di conoscenza per il futuro?

Ma come "formidabilmente" espresso dalla Dott.ssa Calandra, la risposta è nella 241/90. E a quella faremo ricorso per capire meglio come si esprimeranno gli enti interessati.

La giornata è stata comunque proficua, avendo noi avuto l'opportunità di conferire con funzionari della regione ed appurare, una volta per tutte, che malgrado l'importanza della variante urbanistica proposta, non sia stata ancora neanche presentata richiesta della VAS.

Comitato di Difesa del Territorio Colli Prenestini Castelli Romani

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento