Martedì, 21 Settembre 2021
Roma

Roma, metro “Spagna” . Audaci borseggiatori azionano il pulsante di emergenza per rubare portafogli. Arrestati.

    I Carabinieri della Stazione Roma Madonna del Riposo, con la collaborazione delle guardie giurate in servizio nella stazione “Spagna” della linea “A” della metropolitana, hanno arrestato quattro ragazzini romeni, di età compresa tra i 20 e...


I Carabinieri della Stazione Roma Madonna del Riposo, con la collaborazione delle guardie giurate in servizio nella stazione "Spagna" della linea "A" della metropolitana, hanno arrestato quattro ragazzini romeni, di età compresa tra i 20 e i 23 anni, tutti nella Capitale senza fissa dimora, che avevano escogitato un particolare metodo per derubare i passeggeri in transito. I ladruncoli, infatti, dopo essersi disposti lungo le scale mobili della stazione metropolitana, adocchiate le vittime di turno, azionavano, senza farsi notare, il pulsante di emergenza della scala, provocandone il blocco improvviso. Il segnale partiva da uno di loro che, mediante un telefono cellulare, avvisava un complice che, materialmente, azionava il pulsante di blocco. Approfittando del provocato malfunzionamento e della confusione che negli istanti immediatamente successivi si generava, andavano a mettere la mani nelle tasche e nelle borse dei passeggeri. Il loro escamotage, però, è stato subito scoperto dagli addetti alla vigilanza della metropolitana che hanno immediatamente avvisato una pattuglia di Carabinieri della Stazione Madonna del Riposo, in zona poiché impegnata in un servizio antiborseggio. I 4 borseggiatori sono stati acciuffati con le mani nel sacco e in possesso di tre portafogli, rubati qualche minuto prima. Sono stati arrestati e portati in caserma, in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo. La refurtiva è stata sequestrata in attesa di reperire i legittimi proprietari, perlopiù turisti stranieri, che non accorgendosi del furto subito, si sono allontanati a bordo dei convogli della metropolitana.

TERMINI - "MANOLESTA DEI TAVOLIINI" ARRESTATO DAI CARABINIERI.

I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno arrestato un "manolesta dei tavolini", specialista nel rubare borse e telefonini preziosi dai tavoli. Si tratta di un 33enne algerino che aveva preso di mira un ristorante della stazione Termini. Lo straniero ha seguito la vittima nel locale pubblico e ha atteso che si accomodasse. Non appena la preda si è distratta, il ladro si è impossessato della sua borsa che aveva lasciato incustodita sulla sedia. Dopo aver messo a segno il colpo, il 33enne si è allontanato con discrezione. Uscendo dal ristorante, però, c'erano i Carabinieri che hanno notato la vittima che indicava il ladro. I militari lo hanno subito bloccato ed ammanettato. La refurtiva è stata restituita alla vittima, una 46enne lombarda. L'arrestato, accusato di furto aggravato, sarà processato con il rito per direttissima.

BRAVETTA - RAPPRESENTANTE INFEDELE RUBA IN UNA GIOIELLERIA.

DENUNCIATO DAI CARABINIERI.

I Carabinieri della Stazione Roma Bravetta hanno denunciato a piede libero un rappresentante di gioielli, 53enne originario di Messina, con l'accusa di furto aggravato. L'uomo, mentre si trovava all'interno di una gioielleria, per motivi legati al suo lavoro, ha approfittato della momentanea distrazione del titolare del negozio, intento a servire una cliente, per sottrarre una scatola contenente preziosi in oro del valore di circa 3500 euro, por poi andare via.

I militari, intervenuti su richiesta del titolare del negozio, hanno visionato le immagini delle telecamere del circuito di video sorveglianza presenti nell'esercizio commerciale ed hanno notato il momento in cui l'uomo sottraeva la scatola con i gioielli.

A quel punto i militari hanno rintracciato il 53enne, lo hanno accompagnato in caserma dove è stato denunciato a piede libero e rimesso in libertà. La refurtiva è stata rinvenuta e riconsegnata alla vittima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, metro “Spagna” . Audaci borseggiatori azionano il pulsante di emergenza per rubare portafogli. Arrestati.

FrosinoneToday è in caricamento