Roma

Roma, movida e ferragosto: controlli dei carabinieri in manette 25 persone

Un ferragosto all’insegna dei controlli da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma nei quartieri frequentati dai giovani che animano la movida della Capitale

Un ferragosto all'insegna dei controlli da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma nei quartieri frequentati dai giovani che animano la movida della Capitale e nelle zone tradizionalmente raggiunte dai romani per le gite fuori porta ferragostane, ma anche finalizzati al contrasto dei reati predatori ai danni di turisti e, in genere, alla prevenzione dei reati contro il patrimonio.

I Carabinieri, con la collaborazione dei Carabinieri della Compagnia Speciale e dell'8° Reggimento "Lazio", hanno effettuato decine e decine di controlli straordinari nei quartieri di San Lorenzo, Testaccio, Monti, Pigneto, Trastevere e nei luoghi più frequentati dai turisti. In questo contesto, i militari hanno arrestato complessivamente 25 persone: 12 di queste sono pusher, ai quali i Carabinieri hanno sequestrato centinaia di dosi di stupefacente di tutti i tipi. Contemporaneamente, sono stati identificati e segnalati all'Ufficio Territoriale del Governo una decina di persone in qualità di assuntori di droghe. Le dosi sono state sequestrate con il denaro contante trovato nella disponibilità degli spacciatori, ritenuto provento della loro illecita attività.

Sono, invece, 12 le persone finite in manette per furti e rapine, commesse ai danni di turisti e non, ricettazione e riciclaggio mentre uno solo è stato arrestato per evasione dagli arresti domiciliari. In un caso, i Carabinieri hanno bloccato due italiani, un 19enne proveniente dalla provincia di Foggia già conosciuto alle Forze dell'Ordine e un 23enne romano residente a Fonte Nuova, sorpresi mentre stavano tentando di rubare una costosa Mountain Bike, del valore di 2.400 euro, posteggiata in piazza di Porta Maggiore.

Tutti gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza delle varie caserme dislocate nella Capitale, dove attenderanno di essere messi a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per il rito direttissimo.

La refurtiva rinvenuta nel corso delle operazioni è stata riconsegnata ai legittimi proprietari.

STAZIONE TERMINI E AEROPORTI INTERNAZIONALI "LEONARDO DA VINCI" E "GIOVAN BATTISTA PASTINE", SCATTANO I CONTROLLI DEI CARABINIERI CONTRO TAXI ED N.C.C. ABUSIVI.

Proseguono senza sosta i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, finalizzati al contrato dell'annoso fenomeno dell'abusivismo nell'esercizio delle attività di taxi e N.C.C. Sotto la lente d'ingrandimento dei militari dell'Arma sono finite le aree della stazione ferroviaria "Termini" e degli aeroporti internazionali "Leonardo Da Vinci" di Fiumicino e "Giovan Battista Pastine" di Ciampino.

I militari del Nucleo Scalo Termini hanno sanzionato un cittadino egiziano di 47 anni che, con la sua auto, stava per trasportare degli ignari turisti stranieri esercitando l'attività di N.C.C. sprovvisto del prescritto titolo. Sequestrata anche l'autovettura utilizzata per commettere le violazioni.

Altre 7 violazioni sono state sanzionate a Fiumicino e Ciampino dai Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma. In questi casi i militari hanno contestato l'illecito procacciamento dei passeggeri in arrivo, da parte di N.C.C. regolari e abusivi totali, all'interno delle sale arrivi. L'importo totale delle sanzioni elevate dai Carabinieri è di 14.500 euro.

Durante l'operazione presso gli obiettivi selezionati per lo svolgimento del controllo, i Carabinieri hanno eseguito verifiche su oltre 65 autovetture e 90 persone. L'attività si ripeterà anche nei prossimi giorni.

COLLATINA - BABY GANG PICCHIA E RAPINA UN COETANEO ALLA FERMATA DEL BUS. 8 GIOVANI BULLI FERMATI DAI CARABINIERI. SONO TUTTI MINORENNI

In 8 lo hanno accerchiato alla fermata dell'autobus di via Collatina, nelle vicinanze del centro commerciale "Roma Est", poi, mentre due lo tenevano fermo, altri due lo colpivano con pugni e schiaffi, tutto per derubarlo di un cellulare e di circa 60 euro. La vittima ha meno di 15 anni, i suoi aggressori tra i 13 e i 16 anni.

Mentre la baby gang si stava accanendo contro il coetaneo, un passante ha chiamato il 112 e l'immediato intervento dei Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tivoli ha permesso di fermare i bulli, due dei quali appena 13enni e quindi non imputabili. Per altri 4, due ragazzini italiani di 15 e 16 anni e due di origini romene entrambi 14enni, sono stati arrestati e sottoposti agli arresti domiciliari, così come disposto dal Tribunale dei Minorenni di Roma. Due 15enni, infine, sono stati denunciati a piede libero.

A tutti sono stati contestati i reati di rapina aggravata in concorso e lesioni.

La vittima, trasportata all'ospedale "San Giovanni Evangelista" di Tivoli, ha riportato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, movida e ferragosto: controlli dei carabinieri in manette 25 persone

FrosinoneToday è in caricamento