Roma

Roma, noto albergatore romano abusava di donne alle sue dipendenze arrestato

I militari dell’Aliquota Carabinieri della Sezione di P.G. presso la Procura della Repubblica di Roma, a seguito di delicate e complesse indagini, coordinate dal P.M. D.ssa Cristiana Macchiusi della Procura della Repubblica presso il Tribunale

I militari dell'Aliquota Carabinieri della Sezione di P.G. presso la Procura della Repubblica di Roma, a seguito di delicate e complesse indagini, coordinate dal P.M. D.ssa Cristiana Macchiusi della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Roma, in esecuzione di un'Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal GIP dott.ssa Minunni, hanno arrestato D.C.M. di anni 52, titolare di un noto albergo della Capitale, per reati di violenza sessuale aggravata e continuata commessi all'interno della struttura ricettiva ai danni di donne straniere alle sue dipendenze lavorative.

Durante l'operazione, con personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, è stato inoltre effettuato un controllo ispettivo, della struttura alberghiera e venivano riscontrate e contestate numerose irregolarità di natura amministrativa e penale che originavano un provvedimento di sospensione di attività e varie sanzioni amministrative per un ammontare di circa 11.000 ?.

CASILINO - OFFRE UN CAFFE' AD UNA RAGAZZA E IL FIDANZATO DI QUEST'ULTIMA LO PICCHIA PER GELOSIA.

Un 22enne romano è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina con l'accusa di violenza privata aggravata dopo aver minacciato con una pistola e poi picchiato il titolare di un bar che aveva offerto un caffè alla sua ragazza.

Il giovane, ieri pomeriggio, si è recato nel bar di via Aquilonia, nel quartiere Casilino, ed armato di una pistola a gas ha minacciato e picchiato il titolare, un cittadino cinese di 30 anni, colpendolo al volto.

A far scattare l'ira del 20enne, sarebbe stato un caffè offerto e qualche complimento di troppo fatti alla sua fidanzata che in mattinata si era recata al bar.

La donna una volta a casa ha riferito tutto al suo fidanzato che è andato su tutte le furie. Solo grazie all'intervento dei Carabinieri, allertati da una chiamata al 112 da alcuni clienti presenti, si è evitato il peggio. I militari, una volta sul posto, hanno bloccato ed arrestato il violento. La vittima è stata soccorsa ed accompagnata presso l'ospedale "San Giovanni", dove a causa delle ferite al volto ne avrà per almeno 5 giorni. Rinvenuta e sequestrata dai militari anche la pistola a gas. Dopo l'arresto, il giovane è stato accompagnato in caserma, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

CONTROLLI ANTIDEGRADO DEI CARABINIERI NEL CENTRO STORICO E TERMINI, DUE PERSONE DENUNCIATE E SEI VENDITORI AMBULANTI SANZIONATI.

I Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno portato a termine un servizio antidegrado e antiabusivismo commerciale nel Centro Storico e nell'intera area dello scalo ferroviario Roma Termini che ha portato alla denuncia a piede libero di due persone. Si tratta di due cittadine romene, domiciliate ad Aprilia (LT), di 19 e 34 anni, per inosservanza del foglio di via obbligatorio dal comune di Roma. Nel corso del servizio in oltre sono stati sanzionati anche sei cittadine del Bangladesh, tutti venditori ambulanti abusivi, sorpresi nel Centro Storico a vendere prodotti non alimentari senza avere alcuna autorizzazione, nei loro confronti è scattata una multa salatissima. Ingente anche il materiale sequestrato dai Carabinieri: 15 ombrelli, 16 elicotteri giocattolo, 100 lettere in legno, 4 cavalletti per fotocamera, 67 calamite, 205 paia di occhiali da sole, 36 borse da donna e 27 palline gommose.

VIA DEL TRITONE - DI NUOVO NEI GUAI IL BORSEGGIATORE "NINJA", ARRESTATO DAI CARABINIERI A BORDO DI UN BUS.

Di nuovo in manette il terrore dei passeggeri dei mezzi pubblici della Capitale, soprannominato il "ninja della metropolitana". Dopo l'arresto del gennaio scorso, pizzicato dai Carabinieri a bordo di un treno della linea "A", all'altezza della fermata "Barberini", questa volta l'uomo, un 35enne cittadino giapponese, unitamente ad una banda di cinque cittadini romeni, è stato fermato in via del Tritone, a bordo del bus 492, subito dopo aver sfilato il portafogli dalla borsa di una turista italiana.

Il manolesta, fingendosi un normale turista giapponese, con la scusa di chiedere delle informazioni ha distratto l'ignara vittima, una 36enne italiana. A questo punto sono entrati in azione i complici, cinque cittadini romeni di età compresa tra i 24 e i 56 anni, che hanno sfilato il portafogli dalla borsa della donna.

Sfortunatamente per loro, la scena non è passata inosservata ad una pattuglia dei Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina, impegnata nei quotidiani servizi antiborseggio, che li ha subito bloccati. Tutta la banda, dopo l'arresto, è stata accompagnata in caserma, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo, dovranno rispondere di furto aggravato in concorso. Il portafogli con i soldi recuperato dai Carabinieri è stato riconsegnato alla 36enne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, noto albergatore romano abusava di donne alle sue dipendenze arrestato

FrosinoneToday è in caricamento