Roma

Roma, ragazzina scomparsa da una casa famiglia, rintracciata dai carabinieri presso i parenti a Bitonto (ba)

Nel corso della mattinata,  14 settembre, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma con la collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari e della Compagnia CC di Molfetta

Nel corso della mattinata, 14 settembre, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma con la collaborazione dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari e della Compagnia CC di Molfetta hanno eseguito una serie di perquisizioni domiciliari che hanno permesso di rintracciare la dodicenne Anna Maria Cerasoli, scomparsa il 23 agosto scorso dalla casa famiglia di via delle Acacie a Roma, a cui era stata affidata dal Tribunale per i Minorenni della Capitale.

La minore si trovava a Bitonto presso l'abitazione di una zia, ove era tenuta nascosta per sottrarla al provvedimento di collocamento nella citata struttura di accoglienza. Proprio ieri mattina nel corso di una nota trasmissione televisiva era stato lanciato un appello per il rintraccio della minore.

TOR MARANCIA - BOTTE DA ORBI TRA DUE MECCANICI E DUE STUDENTI. IN 4 ARRESTATI DAI CARABINIERI.

Ieri pomeriggio, quattro romani, due meccanici 41enni e due studenti di 19 e 20 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma San Paolo con l'accusa di rissa aggravata. Erano circa le 15.30 quando i più giovani sono arrivati in viale di Tor Marancia a bordo di uno scooter e lo hanno parcheggiato davanti all'officina moto dove gli altri due lavorano.

I due meccanici, già conosciuti alle forze dell'ordine, hanno chiesto ai due giovani di spostare il veicolo ma si sono rifiutati. A quel punto ne è nata una lite verbale e dalle parole si è passati ai fatti, dandosele di santa ragione.

Alcuni passanti, allarmati, hanno immediatamente contattato il 112; i Carabinieri, una volta giunti sul posto, hanno dovuto faticare non poco per riportare la calma. Per i quattro rissosi sono scattate le manette e, soccorsi e medicati in ospedale, sono stati dimessi con prognosi di 4 giorni. Dopo l'arresto, i quattro sono stati accompagnati in caserma in attesa del processo per direttissima.

MAGLIANA - LADRI IN FUGA INTERCETTATI ED ARRESTATI DAI CARABINIERI. DUE CITTADINI ROMENI AVEVANO APPENA FATTO IRRUZIONE IN UN AUTODEMOLIZIONE. RESTITUITA LA REFURTIVA.

Due cittadini romeni di 27 e 34 anni sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma per aver rubato in un autodemolizione, in zona Magliana. L'episodio è accaduto la scorsa notte quando i due, già conosciuti alle forze dell'ordine, sono entrati nel deposito di via della Magliana rompendo la recinzione e dopo aver fatto razzia di parti di autovetture sono fuggiti indisturbati. Qualche minuto dopo, la pattuglia dei Carabinieri ha fermato i due ladri in via degli Arvali, a bordo di un Audi A6 che era stata notata dai militari parcheggiata nei pressi dell'autodemolizione. Perquisito il veicolo, sono state rinvenute parti di auto di cui i due non hanno saputo dire da dove provenissero. I Carabinieri, insospettiti, si sono recati presso il deposito di via della Magliana ed hanno trovato la recinzione tagliata e divelta. Intervenuto sul posto, il proprietario dell'autodemolizione ha riconosciuto le parti di auto che gli erano state rubate. I due cittadini romeni sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato ed accompagnati in caserma in attesa di essere processati con il rito per direttissima. La refurtiva è stata restituita dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma al proprietario della struttura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, ragazzina scomparsa da una casa famiglia, rintracciata dai carabinieri presso i parenti a Bitonto (ba)

FrosinoneToday è in caricamento