rotate-mobile
Roma

Roma, turisti vittime dei borseggiatori nella capitale. 16 “manolesta” arrestati dai Carabinieri

I Carabinieri delle Compagnie di Roma San Pietro e Roma Centro impegnati nei quotidiani controlli antiborseggio svolti nelle zone turistiche, a bordo di mezzi pubblici e nei pressi delle relative fermate, hanno arrestato altri 16 borseggiatori...

I Carabinieri delle Compagnie di Roma San Pietro e Roma Centro impegnati nei quotidiani controlli antiborseggio svolti nelle zone turistiche, a bordo di mezzi pubblici e nei pressi delle relative fermate, hanno arrestato altri 16 borseggiatori, intenti ad alleggerire ignari turisti. Stazione Termini, via della Concilizione, piazza Venezia, Barberini, largo di Torre Argentina e via della Propaganda, questi i punti preferiti dai “manolesta”. Nei pressi della fermata metropolitana “Barberini” i Carabinieri della Stazione Roma Prati hanno arrestato un 35enne, cittadino romeno, subito dopo aver borseggiato una turista italiana. Poco dopo, gli stessi gli stessi militari dell’Arma, a bordo del famigerato autobus “64”, hanno scoperto altri due borseggiatori. Due cittadini della Repubblica Ceca che avevano borseggiato un turista lombardo. I due ladri, entrambi di 28 anni, sono stati ammanettati ed accompagnati in caserma. Sempre a bordo dell’autobus della linea 64, nei pressi di largo di Torre Argentina, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro hanno arrestato due cittadini georgiani, di 28 e 34 anni, mentre asportavano il portafogli ad un turista straniero. In via della Cociliazione, sempre i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro, hanno arrestato una 33enne ed un 28enne, entrambi nomadi provenienti dal campo di via Pontina, che, sempre con la stessa tecnica, avevano borseggiato 1200 Pound ad un turista malesiano. Nei pressi della fermata metropolitana “Termini” i Carabinieri della Stazione Roma Madonna del Riposo hanno arrestato due cittadini romeni di 24 e 25 anni, sorpresi dopo aver sfilato il portafogli ad un turista Ungherese. All’interno di un vagone della Linea “A” della metropolitana, all’altezza della fermata “Barberini”, i Carabinieri della Stazione Roma Vittorio Veneto, hanno arrestato due nomadi di 18 e 20 anni, fermate dopo aver sfilato un’I-Phone 5 e 500 euro ad una turista cinese. Quattro nomadi, due 19enni, un 18enne ed un 27enne, tutti provenienti dal campo di via Salone sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, dopo aver sfilato un’I-Phone 5 ad un turista svedese. Infine, i Carabinieri del Comando Piazza Venezia, in Piazza Venezia, a bordo di un bus della linea urbana hanno arrestato un cittadino romeno, di 42 anni, sorpreso dopo aver alleggerito del portafogli con 150 euro un turista irlandese sotto gli occhi dei militari. I 16 arrestati, accusati di furto aggravato e tentato furto, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa di essere processati con il rito direttissimo. Tutta la refurtiva è stata recuperata dai Carabinieri che provvederanno a riconsegnarla alle vittime.

PIAZZA PIO XI – 28ENNE CITTADINA BRASILIANA COSTRETTA A PROSTITUIRSI IN UNA CASA D’APPUNTAMENTI.ERA VENUTA IN ITALIA PER INIZIARE UNA “NUOVA VITA” DOPO AVER LITIGATO CON IL FIDANZATO. ARRESTATI DAI CARABINIERI UNA COPPIA DI ROMANI CHE LE PROCURAVANO I CLIENTI TRAMITE ANNUNCI SU UN NOTO SITO D’INCONTRI, IN CAMBIO DI 1000 EURO AL MESE.

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trastevere, al termine di un’articolata attività di indagine, hanno arrestato una coppia di romani, lui 38enne e lei 37enne, con l’accusa di sfruttamento della prostituzione. Alle loro dirette dipendenze una 27enne cittadina brasiliana arrivata in Italia con la prospettiva di iniziare una nuova vita dopo aver interrotto la relazione sentimentale con il suo fidanzato. Giunta nella Capitale però, per la vittima è iniziata l’odissea: la coppia di romani, infatti, approfittando delle sue precarie condizioni economiche, l’hanno avvicinata prospettandole facili guadagni con la prostituzione. Così, i due hanno sistemato la ragazza in un appartamento, ubicato nella zona di Piazza Pio XI, e tramite un noto sito d’incontri le procuravano i clienti. Il loro servizio però aveva un costo: la 27enne doveva versare ai due sfruttatori una quota settimanale arrivata nell’ultimo periodo fino a 250 euro alla settimana, ovvero circa 1000 euro al mese. Gli sfruttatori arrestati dai Carabinieri, sono stati rispettivamente portati al carcere di Regina Coeli e alla sezione femminile del carcere di Rebibbia. L’abitazione è stata sequestrata.

ARRESTATI DAI CARABINIERI 2 COLTIVATORI FAI DA TE DI MARIJUANA. BLOCCATI MENTRE ANNAFFIAVANO 44 PIANTE.

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trionfale e quelli della Stazione Roma Ottavia hanno arrestato ieri pomeriggio due coltivatori di piante di marijuana, di 30 e 28 anni, romani e con piccoli precedenti penali. I militari a seguito di alcuni servizi antidroga hanno sorpreso i due coltivatori fai da te mentre, muniti di grosse taniche di acqua, stavano annaffiando 44 piante di stupefacente. La coppia aveva ricavato in mezzo ad una fitta vegetazione boschiva, in un tratto di via di Casal del Marmo, un’area dove coltivavano lo stupefacente. Sul posto al momento del blitz i militari trovato e sequestrato 44 piante di diverse misure, alcune si trovavano all’interno dei vasi in attesa di essere trapiantate sul terreno una volta cresciute, taniche piene d’acqua, fertilizzanti e vari attrezzi da lavoro. I due romani sono stati arrestati con l’accusa di produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, e trattenuti in caserma a disposizione dell’Autorità giudiziaria in attesa di giudizio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, turisti vittime dei borseggiatori nella capitale. 16 “manolesta” arrestati dai Carabinieri

FrosinoneToday è in caricamento