San Cesareo, al Teatro Auditorium comunale "Giulanco" in scena "Il fu Mattia Pascal" della compagnia "La quercia incantata"

L’associazione teatrale “Marionette senza fili”, guidata e diretta da Claudio Tagliacozzo, ospita la compagnia romana de “La Quercia incantata” diretta da Filippo Bubbico che porta in scena un grande classico della letteratura italiana “Il Fu...

L’associazione teatrale “Marionette senza fili”, guidata e diretta da Claudio Tagliacozzo, ospita la compagnia romana de “La Quercia incantata” diretta da Filippo Bubbico che porta in scena un grande classico della letteratura italiana “Il Fu Mattia Pascal” di Luigi Pirandello presso il Teatro Auditorium Comunale Giulanco di S. Cesareo dal 21 al 23 aprile (venerdì e sabato ore 21 e domenica ore 18).

Mattia Pascal, personaggio di difficile comprensione anche per la sua discutibile “moralità”, mal si lascia “addomesticare” da una regia che deve tenere conto di un Pirandello giovane e molto disomogeneo nella rappresentazione. Questo romanzo è propedeutico per tutti quei temi che l'autore negli anni successivi svolgerà con coerenza e che saranno la costante poetica del suo pensiero. Quando si mette in scena una tale opera ci si trova di fronte ad un amletico dilemma: privilegiare lo stile letterario e quindi tradire il teatro o reinventare una struttura drammaturgica a danno della letteratura. E' possibile mettere in scena tutte le introspezioni e le dinamiche dei pensieri scritti senza svilire l'ispirazione dell'autore stesso? E' possibile rappresentare un personaggio così negativo che arriva al punto di avere un rapporto con la moglie del proprio amministratore senza tratteggiarlo semplicemente come un esempio da non seguire, senza affondare la penna e il verbo nei risvolti più oscuri dell'animo che lo hanno portato a certe scelte e a certi comportamenti? Solo una messa in scena audace ed intuitiva può dipanare il labirinto in cui si è inevitabilmente infilato l'autore e rappresentare le varie emozioni che i personaggi vivono dipingendoli nella loro complessità e varietà emotiva ed emozionale. Mattia prima mette incinta la moglie dell'amministratore poi si innamora, ricambiato, di Romilda e mette incinta anche lei. Nonostante le varie vicissitudini la sorte gli sorride facendogli vincere un patrimonio alla roulette di Montecarlo e quando legge che nel suo paese era dato per morto Mattia Pascal, suicida per problemi finanziari, decide di non sconfessare la notizia e di iniziare una nuova vita sotto le mentite spoglie di Adriano Meis. Si innamora di Adriana che vuole sposare ma non può farlo perchè la sua esistenza fittizia non lo consente, come non può denunciare il furto subito da Terenzio, come non può, alla fine, svolgere alcuna delle normali attività quotidiane. Dopo due anni torna al paese e trova che tutto è cambiato e si adatta a una vita grigia fino a morire, ma non una volta sola. Tutta la storia si svolge come in un gigantesco flashback, non ha una durata precisa, i luoghi sono descritti fedelmente ed il periodo si può presumere che sia a cavallo fra la fine dell'ottocento e gli inizi del novecento. Tutti i personaggi sono dipinti come valenti e spregevoli. I ritmi dello spettacolo sono efferatamente veloci e seguono, precedono e si lasciano sollevare come da un’ onda e trasportare come dalla corrente da una musica sempre protagonista, rendendo gradevole la messa in scena ed a tratti con qualche “colore di comicità”. I colori delle luci completano l'opera che insieme all'ottima recitazione viene seguita con sempre crescente curiosità ed apprensione rispetto allo svolgimento ed alla presunta e immaginata fine, che lascia attonito il pubblico. A tratti l'opera ci ricorda un giallo e per alcuni versi “l'Angelo azzurro” anche se non c’è una donna a tessere le fila della vita ma solo il destino beffardo, che non lascia scampo a chi fa delle scelte che poi si rivelano errate.

Gli attori della Compagnia, tutti professionisti, si emozionano ed emozionano portando per mano lo spettatore attraverso un gioco di labirinto e di specchi la cui uscita non è così scontata e facile da trovare. Uno spettacolo dai ritmi spesso veloci dove nessuno è uguale a se stesso e “Uno, nessuno e centomila”, per citare un'altra opera di Pirandello, alberga in tutti noi.

PREZZI BIGLIETTI:

INGRESSO INTERO € 12,00

INGRESSO RIDOTTO € 8,00 (under 20 e over 65)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INFO E PRENOTAZIONI al 338.25.23.004 www.marionettesenzafili.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento