menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
San Cesareo, La Villa di Cesare e Massenzio : patrimonio comune da difendere e valorizzare per una idea diversa di sviluppo del territorio

San Cesareo, La Villa di Cesare e Massenzio : patrimonio comune da difendere e valorizzare per una idea diversa di sviluppo del territorio

San Cesareo, La Villa di Cesare e Massenzio : patrimonio comune da difendere e valorizzare per una idea diversa di sviluppo del territorio

Quotidianamente tutti noi calpestiamo, denigriamo e, spesso, umiliamo quello che potrebbe rappresentare una delle fonti economiche primarie: il nostro patrimonio archeologico e con esso quello storico, artistico e culturale che, da sempre, fanno...

Quotidianamente tutti noi calpestiamo, denigriamo e, spesso, umiliamo quello che potrebbe rappresentare una delle fonti economiche primarie: il nostro patrimonio archeologico e con esso quello storico, artistico e culturale che, da sempre, fanno dell'Italia un paese unico ed apprezzato in tutto il mondo.

Un paese che a colpi di abusi edilizi, di un' assidua devastazione del territorio, di un concetto di sviluppo rilevatosi ormai a vantaggio esclusivo di pochi e di una globalizzazione che appiattisce le diversità culturali e antropologiche tra i popoli, si sta sgretolando e rischia di essere a breve svenduto per pochi spiccioli al mercato delle pulci.

E' il momento di rivedere il programma di sviluppo complessivo, ripartendo da quelle realtà piccole, ancora in quota parte vergini e collegate ai grandi centri urbani, che dovranno ritrovare una propria caratterizzazione economica e culturale.

Ciò è quanto avviene a San Cesareo, alle porte di Roma, con i ritrovamenti della Villa di Cesare e Massenzio. Qui, già dal 2010 la mobilitazione spontanea dei cittadini, aggregatisi in seguito intorno alle iniziative del Comitato di Difesa del Territorio dei Colli Prenestini e dei Castelli Romani, ha consentito di bloccare l'ennesimo progetto di edificazione che riduceva i resti di un importante ritrovamento archeologico ad elemento di corredo di un edificio di culto con annesso complesso residenziale.

Per parlare di questa realtà e di altre limitrofe che vivono la stessa condizione, il Comitato di Difesa del territorio dei Colli Prenestini e dei Castelli Romani organizza per

sabato 24 gennaio alle ore 16,00

c/o l'auditorium comunale di San Cesareo in V.le dei Cedri 10

l' incontro pubblico "Tesori nascosti - le radici del nostro futuro" dove, grazie anche alla partecipazione di Paolo Berdini (urbanista) ed Emilio Ferracci (archeologo) andremo a riscoprire quali siano i veri tesori di questo territorio e quali le potenzialità del suo sviluppo.

Con la partecipazione del Comitato Ciampino Bene Comune.

In collaborazione con: "RETUVASA-Rete per la Tutela della Valle del Sacco" "I Love San Cesareo" "Italia Nostra Castelli Romani".

Per informare di quanto accade intorno a noi:

il Comitato di Difesa del Territorio Colli Prenestini Castelli Romani invita la cittadinanza tutta all'incontro pubblico "TESORI NASCOSTI-le radici del nostro futuro", il giorno sabato 24 gennaio alle ore 16,00 presso l'Auditorium Comunale di San Cesareo, Viale Dei Cedri, 10.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento