menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, Regione Lazio, ‘positivo incontro con sindacati. definito perimetro confronto’

“L’incontro di oggi 18 Novembre,  con i sindacati è stato molto positivo. Un incontro voluto perché riteniamo che per attuare il cambiamento che abbiamo in mente e che stiamo costruendo occorra il contributo e il coinvolgimento di tutti.

"L'incontro di oggi 18 Novembre, con i sindacati è stato molto positivo. Un incontro voluto perché riteniamo che per attuare il cambiamento che abbiamo in mente e che stiamo costruendo occorra il contributo e il coinvolgimento di tutti. Siamo ad uno snodo cruciale che vogliamo sia segnato dal confronto più ampio possibile. I temi all'attenzione sono quelli del governo delle liste di attesa, della sanità territoriale, della rete delle case della salute, e il grande tema del lavoro e del precariato in sanità che va superato. Oggi è stato definito il perimetro delle questioni, dal prossimo incontro, fissato per il 4 dicembre, si affronterà il merito definendo un percorso operativo".

SANITA': ZINGARETTI, 'STOP A NUOVI INCARICHI ASL E OSPEDALI DEL LAZIO'

"Non è questo il tempo per nominare nuovi dirigenti o fare assunzioni dell'ultima ora nelle Asl e negli ospedali del Lazio.

Lo scrive il presidente della Regione Lazio e Commissario ad acta per il piano di rientro, Nicola Zingaretti in una lettera inviata a tutti i direttori generali ed ai commissari straordinari delle Aziende sanitarie e ospedaliere ed a tutti gli enti del servizio sanitario regionale con la quale si dispone che tutte le richieste di nuove assunzioni in deroga siano soggette all'autorizzazione regionale ivi comprese quelle per il conferimento di incarichi dirigenziali a tutti i livelli. Nella lettera si precisa che la nomina di nuovi dirigenti è bloccata, in ogni caso, fino a che non saranno adottati i nuovi atti aziendali". Lo comunica in una nota l'ufficio stampa della Regione Lazio.

SANITA'. PETRANGOLINI: "FINALMENTE ANCHE NEL LAZIO RETE TERAPIA DEL DOLORE"

"Finalmente il diritto a non soffrire sarà effettivamente garantito anche ai cittadini del Lazio, grazie al decreto per la creazione di una rete regionale per le cure palliative e la terapia del dolore firmato da Nicola Zingaretti". Lo dichiara Teresa Petrangolini, consigliera regionale del gruppo 'Per il Lazio'.

"Nel Lazio abbiamo 1,5 milioni di persone affette da dolore cronico, circa una per famiglia, di cui solo 20mila accedono alla terapia prevista dalle norme", prosegue la consigliera, ex Segretaria nazionale del Tribunale dei diritti del malato. "Una delle cause di questo gap è senza dubbio il mancato recepimento regionale della legge nazionale n. 38 del 2010, la più avanzata d'Europa. Nei due centri di riferimento per la terapia del dolore del Lazio, Policlinico Umberto e Policlinico Tor Vergata, ogni anno vengono rispettivamente curati 8mila e oltre 10mila pazienti.

Il problema maggiore riguarda l'adeguata conoscenza in merito alla terapia del dolore. Dalle due diverse indagini effettuate nel 2011 e 2012, infatti, é risultato che il 70% delle persone non ne sia informata".

"Uno degli obiettivi del Decreto - spiega Petrangolini - è proprio quello di garantire sia un'informazione completa e puntuale sia programmi individuali per il malato e la sua famiglia. Il dolore, infatti, incide notevolmente sulla vita quotidiana e sull'occupazione: secondo recenti indagini, il 23% delle persone con dolore dichiara di aver dovuto cambiare la propria posizione sociale; il 20% di aver cambiato lavoro e il 14-17% di averlo perso. Ma anche le conseguenze psicologiche non sono trascurabili: nel 18% dei casi, le persone con dolore dicono di vivere un senso di abbandono e la sensazione di perdere il proprio ruolo all'interno della famiglia; mentre al 22% è stata diagnosticata depressione e il 50% prova un senso di sfiducia e malessere. Il peso economico, sociale e psicologico del dolore è elevatissimo: ogni anno vengono persi almeno 3 milioni di ore lavorative per problemi riconducibili al dolore cronico".

"In questo contesto, desidero anch'io esprimere un forte apprezzamento per l'attività e l'impegno profuso da una realtà come Antea Onlus, da anni in prima linea sulla terapia del dolore e sulle cure palliative", conclude la consigliera segretaria dell'Ufficio di presidenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento