Roma

Sant’Elia Fiumerapido, ragazzo con ascia voleva uccidere la convivente dopo averla picchiata e mandata in ospedale

I Carabinieri  del NORM della Compagnia di Cassino, traevano in arresto per  “maltrattamenti in famiglia, resistenza a P.U., lesioni e porto abusivo di armi” S.P., 26enne di Sanr’ Elia Fiume Rapido,  già censito. 

I Carabinieri del NORM della Compagnia di Cassino, traevano in arresto per "maltrattamenti in famiglia, resistenza a P.U., lesioni e porto abusivo di armi" S.P., 26enne di Sanr' Elia Fiume Rapido, già censito.

I militari erano intervenuti presso l'abitazione dell'arrestato a seguito di una violenta lite scaturita per futili motivi tra il medesimo e la convivente 24enne, la quale si era allontanata dall'abitazione portando con se la loro figlia neonata di mesi 3.

Venuto a conoscenza che la donna si era recata presso l'Ospedale Civile di Cassino per farsi medicare, l'uomo si armava di un'ascia che palesemente cercava di occultare sotto gli indumenti, riferendo ai militari intervenuti che avrebbe raggiunto la convivente per ammazzarla.

Appreso le intenzioni dell'uomo i militari operanti lo bloccavano, nonostante la vibrante resistenza posta in essere, riuscendo a disarmarlo ed a sequestrare l'ascia.

I successivi accertamenti svolti consentivano di stabilire che il prevenuto nell'aggredire e percuotere la convivente costretta alle cure dei sanitari, aveva anche procurato una lieve escoriazione alla neonata medicata dai sanitari del pronto soccorso del citato Ospedale. L'arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant’Elia Fiumerapido, ragazzo con ascia voleva uccidere la convivente dopo averla picchiata e mandata in ospedale

FrosinoneToday è in caricamento