Tivoli, Asl roma 5 - A scuola con il Certificato Vaccinale. Tutto quello che c’è da sapere

Per migliorare la protezione della popolazione, soprattutto dei bambini, è entrato in vigore il nuovo calendario vaccinale e con il decreto-legge n. 73 del 07.06.2017, alcune vaccinazioni raccomandate sono diventate obbligatorie.

Vaccino

Per migliorare la protezione della popolazione, soprattutto dei bambini, è entrato in vigore il nuovo calendario vaccinale e con il decreto-legge n. 73 del 07.06.2017, alcune vaccinazioni raccomandate sono diventate obbligatorie. Ma non si tratta dell’unica novità introdotta dalle normative. Le famiglie devono sapere infatti che per l’iscrizione a scuola, già a partire dall’anno scolastico 2017/2018 è necessario presentare la documentazione rilasciata dalla ASL che attesti che il bambino/a sia in regola con le vaccinazioni obbligatorie previste per il suo anno di nascita.

La ASL ROMA 5 sta quindi predisponendo tutte le attività e le iniziative necessarie al fine di agevolare i genitori sia nell’accesso alle informazioni sulle innovazioni introdotte dalla normativa, che sulle modalità di richiesta e ricezione della certificazione vaccinale.

COME E DOVE RICHIEDERE IL CERTIFICATO E l’ATTESTAZIONE VACCINALE

1 - I genitori o le persone delegate (munite di copia del documento del delegante e del delegato) devono richiedere, compilare e firmare il modulo di richiesta alla ASL del Certificato/Attestazione Vaccinale. Il modulo sarà in distribuzione a partire dal 26 giugno 2017 presso tutti i Punti Unici di Accesso (PUA) dei Distretti Sanitari e gli uffici URP aziendali, e nei Centri Vaccinali. Sarà anche possibile scaricarli o compilarli in formato digitale dal sito web aziendale.

2 - Dopo la compilazione e la firma, il modulo va riconsegnato di persona presso uno di questi uffici o inviato via mail (con allegato documento di identità) all’indirizzo: certificatovaccinazioni@aslromag.it o direttamente alle mail dei centri vaccinali territoriali di riferimento:

vacc.etaevolutivamonterotondo@aslromag.it

vacc.etaevolutivaguidonia@aslromag.it

vacc.etaevolutivativoli@aslromag.it

vacc.etaevolutivasubiaco@aslromag.it

vacc.etaevolutivapalestrina@aslromag.it

vacc.etaevolutivacolleferro@aslromag.it

3 - Dal momento della richiesta il Certificato e l’Attestazione saranno pronti in 3 settimane di calendario e potranno essere ritirati presso i PUA o gli URP distrettuali e, solo a Monterotondo, presso l’ufficio anagrafe vaccinale. Il Certificato viene conservato a casa e l’Attestazione consegnata alla scuola.

L’ATTESTAZIONE VACCINALE, TEMPISTICA

Il termine per la presentazione dell’attestato presso gli Istituti scolastici è fissato al 10 settembre 2017. Il genitore può anche autocertificare l’avvenuta vaccinazione. In tal caso ha tempo per presentare la documentazione della ASL, con eventuali prenotazioni per vaccinazioni non ancora effettuate, sino al 10 marzo 2018. I dirigenti scolastici comunicano alla ASL, entro il 31 ottobre di ogni anno, le classi nelle quali sono presenti più di due alunni non vaccinati.

COSA ACCADE SE IL GENITORE NON PRESENTA LA DOCUMENTAZIONE A SCUOLA.

Nel caso in cui il genitore non presenti l’attestazione vaccinale ai bambini da 0 a 6 anni non sarà permesso frequentare gli asili nido e le scuole dell’infanzia. Nella fascia di età dai 6 ai 16 anni si potrà comunque accedere a scuola. In ogni caso il dirigente scolastico segnalerà all’Azienda sanitaria i genitori che non hanno presentato l’attestazione richiesta.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Sul Sito della ASL ROMA 5 nell’area “Novità sulle vaccinazioni” o telefonando al NUMERO VERDE 800.893.515

CHI DEVE ESSERE VACCINATO E QUALI SONO LE VACCINAZIONI

I nati dal 2001 al 2011 dovranno effettuare, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte per legge, anche l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’antipertosse e l’anti-Haemophilus influenzae tipo b.

I nati dal 2012 al 2016 devono effettuare, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte per legge, anche l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’anti-pertosse, l’anti-Haemophilus influenzae tipo b e l’anti-meningococcica C.

I nati dal 2017 dovranno effettuare tutti e dodici i vaccini previsti nel nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019 (anti-epatite B; anti-tetano; anti-poliomielite; anti-difterite; anti-pertosse; anti-Haemophilus influenzae tipo b; anti-morbillo; l’anti-parotite; l’anti-rosolia; anti-varicella; antimeningococcico B; antimeningococcico C ).

Chi è esonerato dai vaccini

Sono esonerati dall’obbligo di vaccinazione i minori già immunizzati per effetto della malattia naturale. Ad esempio i bambini che hanno già contratto la varicella non dovranno vaccinarsi contro tale malattia. L’immunizzazione dovrà essere comprovata dalla notifica effettuata dal medico curante o dagli esiti dell’analisi sierologica. Sono esonerati anche i soggetti che si trovano in specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. Ad esempio per i soggetti che abbiano avuto pregresse gravi reazioni allergiche al vaccino o ad uno dei suoi componenti.

In questo caso i minori saranno inseriti in classi nelle quali sono presenti solo minori vaccinati o immunizzati.

Quando si può posticipare il vaccino

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I soggetti possono ritardare di sottoporsi a vaccinazione in caso si trovino in specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. Ad esempio, quando versino in una malattia acuta, grave o moderata, con o senza febbre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento