San Cesareo, lo sfogo di una mamma; costretti a portare i figli in scuole inadeguate e costosissime

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: La Lettera aperta di una mamma di San Cesareo indirizzata ai vertici degli uffici scolastici, a sindaco, assessori e consiglieri di San Cesareo. “Caro Provveditore, tu che

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: La Lettera aperta di una mamma di San Cesareo indirizzata ai vertici degli uffici scolastici, a sindaco, assessori e consiglieri di San Cesareo. “Caro Provveditore, tu che

sai che la scuola è un diritto e agevolare la frequenza un dovere di chi la tutela... Sono una mamma e come tale mi sento di fissare su questi fogli tutto ciò che rende il mio esserlo molto più difficile! Abitiamo a San Cesareo in provincia di Roma, ma dalla vicinanza a questa grande città non traiamo alcun vantaggio. L'amministrazione di questo paese ha fatto si che in pochissimi decenni la San Cesareo che aveva dietro la storia dei capannari e dei campi coltivati fosse solo un ricordo costruendo in ogni dove e incrementando così un notevole aumento demografico. Molti giovani sposi sono stati spronati a lasciare la "grande città" per popolare questo e altri paesi in crescita. Ma da sposini a neo-genitori per molti il passo è stato breve, nove mesi e ci si è trovati di fronte il grande muro dei servizi inesistenti o spesso mal progettati! Sono tantissime le mamme di San Cesareo che hanno dovuto lasciare un lavoro sicuro perché qui non c'è la possibilità di usufruire degli asili nido convenzionati e la convenienza di portare i pargoli da privati, lo sappiamo tutti, non c'è. Come non ci sono posti alla scuola materna che invece per legge i bimbi nati entro il 31 marzo hanno diritto di frequentare; qui a San Cesareo restano fuori lista anche bambini di tre anni compiuti e moltissime mamme sono costrette a tenere i bimbi a casa, senza tra l'altro poter neanche frequentare un parchetto giochi, visto lo stato indegno in cui si trova...si la parola indegno rende l'idea del parco del paese!! Ed ecco che per molte di noi si sono aperte le porte dello status "casalinga" sulla carta d'identità e questo ha pesato non poco sui bilanci familiari di moltissime famiglie. L'amministrazione comunale e gli enti scolastici sembra però vivano su un altro mondo, aumentando tasse, costi dei servizi e donazioni "per niente volontarie" promettono aggiustamenti di anno in anno, rimedi che non arrivano mai e inguaiano sempre più noi famiglie e lo stato di accoglienza dell'istituzione scuola. Insomma oggi ci ritroviamo ad avere un altissimo tasso di disoccupazione fra le mamme e se per risparmiare vogliamo avere una sola macchina per famiglia neanche lo possiamo fare perché gli scuolabus di San Cesareo "Viaggiano a prezzi da Formula l". Ebbene si, dal 2013 al 2016, il prezzo dei pulmini é lievitato da 22€ a 80€ a bambino. Quest'anno sarà il più difficile per molte famiglie che vedranno i costi della mensa scolastica e dello scuolabus triplicati in pochi anni, senza aver alcun potere di decisione, anzi, un potere ce l'hanno lasciato, decidere o meno di usufruire della mensa; quale genitore però riuscirà a spiegare ai propri figli di non avere le possibilità economiche per far si che possano mangiare comunque insieme ai loro compagni e non "ghettizzarsi” un'altra aula? Come spiegare a dei bambini piccoli che il loro pasto non può essere consumato tutti insieme? Ma come, la convivialità, l'inclusione, non era uno dei punti importanti ed inalienabili della scuola? A volte mi chiedo cosa sia rimasto in questa "buona scuola" delle prime scuole pubbliche, cosa sia rimasto di quell'obbligo di istruzione che tanto ci doveva salvare "dall'ignoranza". Qui si sta travisando il diritto all'istruzione obbligatoria con il "diritto" delle aziende di speculare. La mensa e il pulmino dovrebbero essere dei servizi che permettono ai genitori di gestire lavoro e figli e per la comunità gli scuolabus soprattutto sono una risorsa importantissima fatta anche per smaltire il caos e il traffico che si crea davanti le scuole. Ma forse al comune di San Cesareo che ci ha lasciato con soli 2 pulmini questo non interessa, non c'è mai stata da parte loro nessuna apertura a progetti o gare al ribasso, l'azienda trasporti resta la stessa da anni a discapito di tutti i cittadini !! Potrei scrivere per ore, man mano che la penna scorre mi viene in mente la volontà di genitori esasperati espressa in un consiglio aperto nel 2013, dove le stesse mamme hanno lanciato il grido di aiuto e avanzato proposte alternative che se studiate da qualcuno più capace, volenteroso, non avrebbero portato a questo punto. Progetti diversi, tempistiche più veloci avrebbero portato alla risoluzione di almeno alcuni dei problemi delle scuole di San Cesareo. A partire dalle strutture scolastiche iniziate e mai terminate e a farne le spese i piccoli alunni costretti da anni a frequentare le lezioni in container che il sindaco si ostina a chiamare "moduli abitativi" .......ma sempre container restano. E di anno in anno si prende solo l'iniziativa, arbitraria e costosa, di aumentarli senza mai mettere fine a questo scempio !! Ci sono poi bambini nella scuola elementare "di mattoni" (così la chiamano i bambini per differenziarsi da quei poveretti che fanno lezione nei container) che sono in aule minuscole, con al piano terra porte di ingresso in aula che si aprono verso l'interno e grate senza chiavi alle finestre. In pratica le mamme di San Cesareo vanno a portare i figli a scuola sospirando e pregando !! Per non parlare della scuola media, un edificio vecchio e fatiscente da mettere strutturalmente in sicurezza, che perde i pezzi anche senza l'aiuto di terremoti o agenti atmosferici. Che poi parlando con altre mamme, Mamme con la M maiuscola, mi rendo conto che ci sono anche donne che nel cuore hanno un dolore grande e se io porto i miei figli a scuola ogni giorno pregando che non succeda nulla, queste mamme vivono nella consapevolezza che i loro bambini disabili in carrozzina, in caso di evacuazione, devono essere gli ultimi a lasciare I 'istituto per non intralciare. Mi si è gelato il cuore...da mamma posso solo immaginare con quale angoscia devi rassegnarti all'impossibilità per il tuo comune di provvedere ad un piano di evacuazione veramente facilitato per chi ha difficoltà motorie come tuo figlio. Insomma, fare la mamma a San Cesareo è una battaglia, è soprattutto complicato far capire ai nostri figli che questo non è quello di cui avrebbero diritto, che la colpa non è la loro e che certo non valgono meno dei bambini "trentini", che vivono in strutture diverse con servizi da paese Europeo. Noi cerchiamo in ogni modo di dimostrare ai loro occhi che la nostra non è un arresa, ma una battaglia silente e continua, perché i diritti dei quali ci dobbiamo ad ogni costo riappropriare sono tantissimi!!!Piano piano le mamme di San Cesareo stanno diventando Valkyrie e ci scommetto tutto che prima o poi per il bene dei nostri figli riusciremo a cavalcare I'onda della legalità e dell'uguaglianza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una mamma

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento