San Cesareo, toccante cerimonia in ricordo del V. brigadiere Roberto Sutera

Questa mattina, a San Cesareo, alla presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma, Generale di Brigata Salvatore Luongo, è stato ricordato il Vice Brigadiere dei Carabinieri Roberto Sutera scomparso il 4 luglio del

Sutera commemorazione
Questa mattina, a San Cesareo, alla presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma, Generale di Brigata Salvatore Luongo, è stato ricordato il Vice Brigadiere dei Carabinieri Roberto Sutera scomparso il 4 luglio del



2007, durante un lungo inseguimento, conclusosi tragicamente sul raccordo autostradale in località Torrenova, a Roma.

Nel corso della cerimonia, svoltasi all’interno della caserma dei Carabinieri della Stazione di San Cesareo, dove Sutera prestava servizio, alcuni studenti di San Cesareo hanno letto alcuni commoventi componimenti. Poi hanno preso la parola il Sindaco del comune di San Cesareo, Pietro Panzironi e il Generale Salvatore Luongo, ricordando la figura del militare caduto. Dopo gli onori militari, è stata deposta una corona di alloro alla stele che ricorda il sacrificio del Vice Brigadiere dei Carabinieri Roberto Sutera. Presenti inoltre i familiari del Vice Brigadiere Sutera, rappresentanti delle forze di polizia, delle autorità cittadine, della Rappresentanza Militare, dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell'Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri.
Nota biografica e motivazione Onorificenza:


Il Vice Brigadiere Roberto Sutera nacque a Roma il 24 aprile 1970 e si arruolò nell’Arma il 14 dicembre del 1991. All’alba del 4 luglio del 2007 perse la vita durante un lungo inseguimento, conclusosi tragicamente sul raccordo autostradale in località Torrenova. Per questo episodio il militare è stato insignito della Medaglia d'Oro al Valore dell'Arma dei Carabinieri "alla memoria" con la seguente motivazione:

In servizio perlustrativo notturno unitamente ad altro militare, intercettava un pregiudicato a bordo di un furgone che, dopo aver forzato un posto di blocco attuato da altro equipaggio dell'Arma, si era dato a precipitosa fuga. Con altissimo senso del dovere e cosciente sprezzo del pericolo, effettuava prolungato inseguimento, evitando le reiterate e rischiose manovre evasive attuate dal fuggitivo, il quale, vistosi affiancato, speronava repentinamente l'autovettura di servizio, che, dopo essersi più volte ribaltata, urtava violentemente contro lo spartitraffico, causando il decesso del graduato. Il malfattore veniva successivamente catturato. Fulgido esempio di elette virtù militari, altissimo senso del dovere e spiccato coraggio, spinti fino all'estremo sacrificio.

4 luglio 2007 - Roma Torrenova (RM)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento