menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sx Carlo Romanelli, Luigi Franzese, Matteo Simone e Claudio Amato, le vittime di Mignano Monte Lungo (Caserta) nell'incidente di San Vittore del Lazio (Frosinone)

Da sx Carlo Romanelli, Luigi Franzese, Matteo Simone e Claudio Amato, le vittime di Mignano Monte Lungo (Caserta) nell'incidente di San Vittore del Lazio (Frosinone)

Tragedia di San Vittore, fissati i funerali di Carlo, Luigi, Matteo e Claudio: Mignano straziata dal dolore

Domani, 6 aprile, l’estremo saluto alle vittime dell’incidente lungo la Casilina. Alle 10 le esequie del 52enne Amato nella chiesa della Concezione di Campozillone. Presso S. Maria Grande quelle di Franzese e Simone alle 11.30 e di Romanelli alle 15

A seguito del dissequestro delle salme, sono stati fissati per martedì 6 aprile 2021 i funerali delle quattro vittime dell’incidente stradale registrato lo scorso Sabato Santo a San Vittore del Lazio (Frosinone). Alle 10, in una Mignano Monte Lungo (Caserta) in pieno lutto cittadino e letteralmente stravolta dal dolore, sarà la chiesa dell’Immacolata Concezione della frazione di Campozillone a ospitare le esequie del 52enne Claudio Amato. Presso la chiesa di Santa Maria Grande, invece, l’estremo saluto ai tre ragazzi tra i 19 e 20 anni: alle 11.30 quello a Luigi Franzese e Matteo Simone e alle 15 sarà la volta di Carlo Romanelli.  

Le salme, come riportato anche da Casertanews.it, sono state liberate dall’autorità giudiziaria nella serata di ieri 4 aprile, la domenica di Pasqua. Nell’odierna mattinata la riunione in municipio per far sì che le cerimonie funebri vengano svolte in piena sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid. Il sindaco Antonio Verdone, strettosi attorno al dolore dei familiari delle vittime a nome dell’intera comunità di tremila anime dell’alto Casertano, ha parlato di “una tragedia immane che si fa fatica a spiegare - ha esternato all’Ansa – Mignano Monte Lungo è un paese distrutto, che vive uno dei suoi giorni peggiori”.

Il sindaco di Mignano: "Siamo sgomenti". Il vescovo di Teano: "Tragedia enorme" 

"Siamo sgomenti – ha aggiunto il primo cittadino in preda alla commozione - Conosco bene le famiglie dei nostri quattro sfortunati concittadini, del 52enne Amato e dei nostri tre giovanissimi. Loro tre per me erano ancora dei bambini, li abbiamo visti crescere. È davvero difficile poter credere che sia avvenuta una cosa così terribile". Una strage che in una tragica serata ha fatto registrare più vittime a Mignano di quelle dovute al Covid in un anno di emergenza sanitaria.

“È una tragedia enorme - così all'Adnkronos il vescovo di Teano Giacomo Cirulli, prima di incontrare i familiari delle quattro vite spezzate per un conforto spirituale -. È un lutto gravissimo che ha colpito la nostra comunità nel giorno in cui la morte è sconfitta e la vita trionfa. Oggi più che mai dobbiamo dare l'annuncio di risurrezione, pure nel dolore grandissimo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento