menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Armando Capirchio

Armando Capirchio

Scomparsa Capirchio, arrestato Michele Cialei per omicidio volontario e occultamento di cadavere (foto e video)

I carabinieri del comando provinciale di Frosinone, agli ordini del colonnello Cagnazzo, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere

Un arresto per la scomparsa e probabilmente la morte di Armando Capirchio, l'allevatore di Vallecorsa del quale si sono perse le tracce lo scorso 23 ottobre. I carabinieri del comando provinciale di Frosinone, coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo, la scorsa notte hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico di Michele Cialei, allevatore di 53 anni residente a Vallecorsa.

La presenza sul  luogo del delitto

Dalla conferenza stampa dei carabinieri è emerso che il Cialei è stato sentito più volte in qualità di persona informata sui fatti, il ed ha sempre negato ogni contatto con la presunta vittima, nonostante una serie di informazioni, nel frattempo acquisite, che confermavano in maniera certa la sua presenza nel luogo della scomparsa proprio nell’arco temporale ipotizzato per il compimento del tragico evento. Veniva altresì accertato che lo stesso si era recato sui monti armato di fucile da caccia e, successivamente, tornato presso la propria abitazione usciva nuovamente con un sacco e probabilmente dei guanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti dei R.I.S

A supporto della tesi investigativa, sono arrivati gli esiti degli accertamenti biologici eseguiti dal R.I.S. di Roma che mediante specifiche analisi genetiche e biologiche, eseguite sulle numerose tracce di sangue rinvenute (lungo il sentiero montano, sulle pietre e su un paio di guanti trovati nella stessa area durante i numerosi sopralluoghi) le attribuivano allo scomparso Armando Capirchio.

Le tracce di sangue nella macchina

Ad ulteriore sostegno dell’ipotesi investigativa sono intervenute anche le analisi eseguite sulle tracce di sangue rinvenute all’interno del portabagagli dell’autovettura in uso al C.M., che anche in questo caso riconducono al Capirchio. 

(foto e video Giancarlo Flavi)

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento