Segni, a fuoco una casa in pieno centro. Tanta paura ma nessun ferito

E’ stata una notte di tensione, insonne, a tratti somigliante a quelle tipiche dei film americani, quella dello scorso sabato, 1° ottobre 2016, a Segni: nelle ore centrali, tra le 2 e le 3:45, infatti,  un’abitazione

segni-casa-a-fuoco4

E’ stata una notte di tensione, insonne, a tratti somigliante a quelle tipiche dei film americani, quella dello scorso sabato, 1° ottobre 2016, a Segni: nelle ore centrali, tra le 2 e le 3:45, infatti, un’abitazione

del centro storico, al momento del fatto, per fortuna, disabitata, nei pressi di via “Rossi”, per ragioni ancora sconosciute, è stata avvolta, in un battibaleno, dalle fiamme. Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco di Colleferro ha evitato il peggio: l’estensione dell’incendio.

La violenza del fuoco è stata domata completamente soltanto dopo tanto lavoro, piuttosto difficile e di varia tipologia, durato circa un paio d’ore. Come da prassi, anche stavolta, sul posto sono intervenuti, in primis, i Carabinieri della locale stazione di Segni che, per ragioni territoriali, si rapportano con i superiori della Compagnia Carabinieri di Colleferro, diretta dal Capitano Emanuele Meleleo.

L’attenzione, forse un po’ anche la paura, che in questi casi sovente muovono sulla stessa direttrice, a velocità parimenti, hanno consigliato la chiusura della strada sulla quale insiste l’edificio sopracitato, precisamente dal civico 24 al numero 30. Espletate tutte le verifiche e le formalità del caso, forse già nella giornata di oggi, lunedì 3 ottobre 2016, verrà rimosso il divieto di transito, così da restituire a tutti i cittadini di Segni la possibilità di fruire, nella pienezza, di un’arteria molto importante per la ridente località dei monti Lepini. Ci auguriamo che le indagini in corso conducano ad una veloce e puntuale ricostruzione dell’accadimento, ed anche all’origine che, a questo momento (pomeriggio di domenica 2 ottobre 2016), non è possibile ascrivere in alcuni insieme previsto e riconosciuto dall’ordinamento. E’ bene quel che finisce bene; è proprio il caso di dirlo.

Fil. Cap. (foto Giovanna Speranza)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento