menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
sciopero-2

sciopero-2

Segni, ambulanti del mercato in sciopero; L'amministrazione si piega e sospende la COSAP

Come da noi annunciato la scorsa settimana, il 25 novembre a Segni i “Commercianti del Mercato del Mercoledì” scioperano e scendono in piazza contro l’Amministrazione Comunale.

Come da noi annunciato la scorsa settimana, il 25 novembre a Segni i "Commercianti del Mercato del Mercoledì" scioperano e scendono in piazza contro l'Amministrazione Comunale.

I motivi di un'azione tanto forte e determinata ci vengono spiegati direttamente dai manifesti e dai volantini esposti in ogni angolo della piazza occupata. I commercianti ritengono che 1200 euro di COSAP pretesi dall'Amministrazione Segnina siano una somma esagerata ed impropria. Ci viene spiegato che, dopo vari tentativi di incontro con l'Ente, l'unica risposta di questo ai lavoratori è stata: "abbiamo presentato il bilancio e questa somma per il 2015 si deve pagare".

Ma i commercianti, definendo il Comune un "Regime Monarchico", accusano questo di non aver voluto considerare che in paesi e città molto più grandi e popolosi la tassa non superi i 400 euro.

I manifestanti si dicono pronti a riconsegnare le autorizzazioni, sopprimendo un servizio primario per la Cittadinanza, una responsabilità che il Sindaco e la Giunta tutta dovranno assumersi.

Ma ancora più forte il finale del manifesto a firma di tutti i "Commercianti del Mercoledì" che scrivono: "sentenziamo e diciamo che non sarete mai più eletti, perché avete infranto e ignorato ogni legge Civile e Morale", DIMETTETEVI! ed avanti un altro Sindaco!"

Encomiabile, poi, l'appoggio dei cittadini alla causa dei manifestanti, infatti nell'arco della mattinata sono state raccolte oltre 700 firme per salvare il "Mercato".

E alla fine, grazie ad un lavoro straordinario si riesce a piegare il Comune. Infatti, in un documento scritto poche ore dopo la manifestazione, l'ente ed i Commercianti concordano la momentanea sospensione del canone COSAP e l'impegno dell'ENTE a ricalcolare al ribasso le tariffe, spalmando l'importo della COSAP 2015 negli anni 2016-2017.

Quindi, per ora sembra si sia giunti ad un accordo, vedremo se alle parole seguiranno i fatti.

Alessandro Verrelli (Foto e servizio vietata la riproduzione)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento