rotate-mobile
Cronaca

Segni, caos acqua potabile. Il sindaco vieta l’uso di quella che esce da due fontane, l’opposizione invita tutti i cittadini a non utilizzarla e chiede le dimissioni della Boccardelli

Scoppia il caso acqua potabile a Segni. Di solito i problemi con l’acqua del pubblico acquedotto si hanno nella vicina Colleferro, invece questa volta sono gli abitanti della cittadina lepina a non poter

Scoppia il caso acqua potabile a Segni. Di solito i problemi con l'acqua del pubblico acquedotto si hanno nella vicina Colleferro, invece questa volta sono gli abitanti della cittadina lepina a non poter

utilizzare l'acqua (divieto assoluto). Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire cosa è successo. In città giovedì scorso sono apparsi dei manifestini in cui via era l'ordinanza sindacale N° 44 del 2017 con la quale il sindaco Boccardelli ordinava il divieto assoluto dell'uso dell'acqua erogata dalle fontanelle site in via Roccamassima e via Felici dopo che le analisi dell'usl avevano dato esiti non conformi alle norme. Fin qui l'ordinanza.

Oggi i consiglieri di opposizione Cesare Ferretti, Antonella Iannucci e Valente Spigone hanno affisso un'altra comunicazione con la quale invitato tutti i concittadini a non fare uso umano dell'acqua che esce dai rubinetti delle loro case in quanto è la stessa dell'acquedotto pubblico che esce dalle due fontanelle menzionate dall'ordinanza del sindaco ed, inoltre, hanno invitato lo stesso sindaco a dimettersi per "Totale incapacità amministrativa". Di seguito il testo completo del manifesto affisso dai tre consiglieri di opposizione: Vista l'inadeguata ordinanza n° 44 del 28 luglio 2017 firmata dal Sindaco che fa divieto di utilizzo dell'acqua delle fontanelle pubbliche di Via Roccamassima (Cimitero) e Via Felici (Bottino); ? VISTA la nota con la quale la ASL invita il Sindaco a far divieto di utilizzo dell'acqua per uso umano, non solo alle Fontanelle (!!!), dove sono stati semplicemente prelevati i campioni (sic!) ma in tutta la rete "... di cui sono fontanelle pubbliche..." ovvero l'intero territorio comunale servito da pubblico acquedotto; RILEVATA la totale incapacità amministrativa del Sindaco, ormai non più mascherabile; RILEVATA, altresì, come minimo, l'incapacità della stessa di leggere e scrivere e soprattutto di firmare atti impegnativi come le ordinanze; INVITANO. I CITTADINI A NON UTILIZZARE L'ACQUA PROVENIENTE DAL PUBBLICO ACQUEDOTTO PER USO UMANO, FINO A DIVERSA INDICAZIONE DELL'AZIENDA SANITARIA LOCALE. (tale invito avrebbe dovuto farlo il Sindaco ma, come detto, è incapace) INVITANO Il Sindaco a rassegnare le proprie dimissioni immediate per manifesta incapacità e per totale disinteresse della salute pubblica. INVITANO. I consiglieri comunali della maggioranza a sostenere le ragioni delle dimissioni del Sindaco, votando, qualora non si dimetta spontaneamente, la prossima mozione di sfiducia, ponendo fine a questa lenta e dolorosa agonia. Il paese tutto ve ne renderà merito".

DF

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segni, caos acqua potabile. Il sindaco vieta l’uso di quella che esce da due fontane, l’opposizione invita tutti i cittadini a non utilizzarla e chiede le dimissioni della Boccardelli

FrosinoneToday è in caricamento