menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stalking 2

Stalking 2

Settebagni, perseguita l’ex minacciando di divulgare foto e video compromettenti. Arrestato per stalking

Dopo essersi lasciato con la sua donna, l’ha minacciata di rendere pubblici alcuni video che la ritraevano in intimità, se non fosse tornata con lui. Così una cittadina romena  si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Roma Settebagni che...

Dopo essersi lasciato con la sua donna, l'ha minacciata di rendere pubblici alcuni video che la ritraevano in intimità, se non fosse tornata con lui. Così una cittadina romena si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Roma Settebagni che hanno arrestato il suo ex, incensurato, connazionale di 34 anni con le accuse di atti persecutori e interferenze illecite nella vita privata. La donna, madre di un bambino, si è recata presso la Stazione dei Carabinieri, in evidente stato di ansia, per denunciare l'ex compagno che le aveva inviato degli sms e dei video, da lui realizzati con il cellulare, che la ritraevano all'interno della propria abitazione in pose intime, minacciando di divulgare tutto se non fosse tornata con lui.

E' stato organizzato un appuntamento con l'uomo per un chiarimento, a cui si sono presentati anche i Carabinieri che lo hanno fermato.

Dal suo telefono, è stato riscontrato, erano stati effettivamente inviati i messaggi e le videoriprese che minacciava di divulgare.

Lo stalker è stato ammanettato e portato in caserma, successivamente è stato condotto presso la Casa Circondariale di "Regina Coeli", a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

CARABINIERI SCOPRONO PIANTAGIONE DI MARIJUANA AD ACILIA. 1 ARRESTO

Un cittadino romano di 22 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Garbatella perché trovato in possesso di 100 grammi di stupefacenti, tra dosi di hashish e marijuana, e perché nella sua "residenza estiva" coltivava piante di marijuana. Fermato dai Carabinieri per un normale controllo in strada il giovane era apparso subito nervoso. Da qui la decisione di ispezionare accuratamente l'auto su cui viaggiava dove sono stati trovati i primi 100 grammi di marijuana e hashish.

La successiva perquisizione, estesa anche alla "residenza estiva" del giovane ad Acilia, ha permesso ai militari di scoprire una piantagione di marijuana, con 46 piante alte più di 50 centimetri. Nel corso del controllo i Carabinieri hanno denunciato a piede libero anche il padre del giovane, un 48enne romano, con precedenti, perché ritenuto responsabile di ricettazione. Il papà infatti è stato trovato in possesso di una Mini Cooper rubata e di altri pezzi di auto di provenienza furtiva. Il giovane è stato accompagnato in caserma, in attesa del rito direttissimo.

CONTROLLI DEI CARABINIERI NEI QUARTIERI DELLA MOVIDA. TRE PERSONE ARRESTATE.

La notte scorsa, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno eseguito un pianificato servizio di controllo del territorio nei quadranti del Centro Storico maggiormente investiti dal fenomeno movida. I militari, con la collaborazione dei Carabinieri dell'8° Reggimento "Lazio", hanno posto particolare attenzione nelle zone di Campo dé Fiori, piazza Navona, piazza della Rotonda, piazza Venezia, piazza Barberini, piazza della Repubblica, via Veneto e vie limitrofe. Il bilancio è di 3 persone arrestate.

Il primo a finire in manette è stato un pusher del Marocco di 31 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, sorpreso dai Carabinieri in piazza Campo dé Fiori con numerose dosi di marijuana, confezionate singolarmente e pronte per essere vendute.

Poco dopo è stata arrestata una cittadina romena di 30 anni, anche lei nella Capitale senza fissa dimora e già conosciuta alle forze dell'ordine, con l'accusa di furto aggravato. La donna si era impossessata del portafogli di un turista cinese di 20 anni nei pressi della fermata della metropolitana "Repubblica". La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita alla vittima.

In largo dei Chiavari, invece, i Carabinieri hanno arrestato un ragazzo romano di 18 anni con le accuse di minacce, lesioni personali e porto illegale di arma bianca. Il giovane, che nonostante l'età vanta già alcuni precedenti per rissa e lesioni, mentre si trovava in compagnia di un gruppo di amici, a seguito di una lite scaturita per futili motivi con un 24enne romano, lo ha dapprima minacciato, poi ha estratto un coltello dalla tasca ferendolo ad un fianco.

I conoscenti della vittima hanno immediatamente dato l'allarme al "112" e i Carabinieri impiegati nel servizio di controllo alla movida sono riusciti a rintracciare l'aggressore che, durante la fuga, era riuscito a disfarsi del coltello. La vittima è stata portata al pronto soccorso dell'ospedale "Santo Spirito": la ferita era, fortunatamente, superficiale per cui ne avrà per 7 giorni.

Durante lo stesso servizio, i Carabinieri hanno rintracciato un 37enne residente nella provincia di Messina, affetto da disturbi psichici, che si era allontanato arbitrariamente da una casa di cura di Milazzo il 30 settembre scorso, senza aver più dato notizie di sé. L'uomo verrà riaffidato ai genitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento