Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Società, in arrivo 500 Mln dall'Europa per il finanzimaneto delle reti d'impresa

Il consolidarsi dei rapporti finanziari tra l'Italia e l'Europa alimenta la rinnovata fiducia del sistema bancario europeo nei confronti della nostra particolare realtà italiana composta essenzialmente da Piccole e Medie Imprese e,solo di recente...

Il consolidarsi dei rapporti finanziari tra l'Italia e l'Europa alimenta la rinnovata fiducia del sistema bancario europeo nei confronti della nostra particolare realtà italiana composta essenzialmente da Piccole e Medie Imprese e,solo di recente, anche dalle Reti di Imprese.

Infatti la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) hanno recentemente firmato un nuovo accordo destinato a sostenere gli investimenti in Italia. In particolare, sulla base di detto accordo, la BEI si è impegnata a mettere a disposizione della CDP una linea di credito per un ammontare massimo di 500 milioni di euro per sostenere, attraverso il sistema bancario italiano, il finanziamento di progetti avanzati dalle Piccole e Medie Imprese (PMI) e dalle Reti di Imprese. Tali risorse, che saranno poste nella diponibilità delle Banche nazionali alle condizioni di particolare favore previste dalla BEI, verranno utilizzate dalla CDP nell' ambito del "Plafond PMI".

Il "Plafond PMI-Reti" è dunque finalizzato a sostenere le PMI che sottoscrivano un Contratto di Rete attraverso il finanziamento delle spese di investimento e delle esigenze di incremento del capitale circolante connesse alla realizzazione del Programma e dei Progetti di rete. Per l'operatività del Plafond occorrerà ora attendere il rinnovo della convenzione tra CDP e Associazione Bancaria Italiana (ABI), che regola l'utilizzo del Plafond medesimo.

"Questo accordo conferma l'importanza della collaborazione tra BEI e CDP per assicurare all'economia italiana ogni anno nuove risorse, in tutti i settori produttivi, dalle grandi opere alle PMI, in modo da dare un contributo alla ripresa degli investimenti, fattore cruciale per il sostegno alla ripresa", ha sottolineato Dario Scannapieco, Vicepresidente della BEI. Anche Matteo Del Fante, Direttore Generale di CDP, ha commentato che "L' accordo sottoscritto oggi con BEI rafforza la collaborazione sinergica tra le due Istituzioni, già sperimentata nel settore delle infrastrutture e che, per la prima volta, si rivolge in modo specifico al comparto imprenditoriale italiano di minori dimensioni. Per CDP rappresenta un positivo sviluppo dei programmi di sostegno dell'economia, varati negli ultimi anni per sostenere l'accesso al credito delle PMI". Come sopra evidenziato, una parte delle risorse andranno alle Reti di Imprese, le libere aggregazioni tra Aziende il cui obiettivo è quello di accrescere la competitività e l'innovazione dei soggetti aderenti: si tratta di una figura introdotta nell'ordinamento giuridico italiano nel 2009 (contratto di Reti di imprese, legge n. 33/2009) che, nel corso di un quinquennio, ha presentato un forte incremento superando la soglia delle 1.500 Reti con circa 7.000 imprese aggregate.

L'iniziativa rappresenta una nuova e concreta applicazione dell'operatività congiunta BEI-CDP, sulla base di un Accordo quadro che punta a consolidare e sviluppare le collaborazioni in Italia nell'attività di finanziamento di Amministrazioni e Società pubbliche, di Enti locali e Gruppi imprenditoriali ed adesso anche di PMI e Reti di Imprese.

Irene De Rossi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Società, in arrivo 500 Mln dall'Europa per il finanzimaneto delle reti d'impresa

FrosinoneToday è in caricamento