Scoperta maxi evasione fiscale di oltre 270 Mln di euro di sette aziende di abbigliamento

La finanza di Frosinone era sulle loro tracce da tempo. Le società operavano tra Sora, Isola del Liri e Roma. 6 persone sono state segnalate per reati fiscali in quanto non avevano mai denunciato nulla

Si erano insediate e lavoravano in Ciociaria oramai da diversi anni ed in particolare tra Sora, Isola Liri e Roma, commercializzavano prodotti di abbigliamento, realizzando un giro di affari milionario, ma omettevano di presentare le dichiarazioni fiscali, oppure le presentavano con importi inferiori al reale, occultando all’Erario 270 milioni di euro.

La scoperta della finanza di Frosinone

A scoprire l’evasione fiscale sono stati i Finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone a conclusione di un’operazione di servizio eseguita nei confronti di 7 aziende operanti nel settore del commercio all’ingrosso di generi abbigliamento. Le investigazioni di polizia economico-finanziaria, sviluppate in un arco temporale di oltre 2 anni, sono state condotte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Sora e sono scaturite dall’acquisizione di elementi informativi nei confronti di un imprenditore di origine asiatica che aveva investito importanti capitali nell’acquisto di immobili, anche con destinazione commerciale.

Gli accertamenti

Lo sviluppo degli accertamenti, nel tempo, ha consentito di individuare collegamenti diretti ed indiretti tra la persona investigata e 7 aziende, ubicate nelle città di Sora, Isola del Liri e Roma, che per più anni avevano omesso di presentare le dichiarazioni fiscali, mentre per altre annualità le avevano presentate con importi inferiori, pur in presenza di un’intensa operatività imprenditoriale risultante, tra l’altro, anche dalle banche dati fiscali in uso alla Guardia di Finanza.

Gli elementi di rischio raccolti e la natura di “evasore totale” assunta dalle 7 aziende investigate determinavano l’avvio, nei confronti delle stesse, di altrettante verifiche fiscali, che interessavano periodi di imposta a far data anche dal 2012, il cui sviluppo è stato concretamente ostacolato dai responsabili aziendali in conseguenza della mancata esibizione dei libri, dei registri e dei documenti contabili la cui conservazione, peraltro, era obbligatoria. Nel corso delle operazioni ispettive, al fine di quantificare il giro degli affari realizzato dalle aziende investigate, sono stati sviluppati i dati e gli elementi rilevati dalle banche dati fiscali, utilizzati per l’esecuzione di controlli e per l’invio di questionari nei confronti delle imprese clienti, che hanno consentito di acquisire numerose fatture.

Le indagini

Inoltre, parallelamente, sono state sviluppate indagini finanziarie sui conti correnti bancari e postali intestati ad alcune delle imprese investigate e alle persone alle stesse riconducibili, passando al setaccio le singole operazioni e i flussi finanziari transitati sugli stessi. Al termine delle verifiche fiscali, complessivamente, è stata quantificata una base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi per 178
milioni di euro e violazioni all’I.V.A. per 92 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sei persone segnalate

In tale contesto, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica presso i Tribunali di Cassino e di Roma n. 6 persone, tutte di origine asiatica, per i reati di “Presentazione delle dichiarazioni con dati infedeli”, di “Omessa presentazione delle dichiarazioni” e di “Occultamento delle scritture contabili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento