Sora, il Coronavirus non mette in "quarantena" i vandali. Deturpata la Chiesa di Santa Restituta

La parete laterale della centralissima Collegiata, uno dei tesori storico-religiosi della provincia di Frosinone, è stata imbrattata con vernice spray nera e rossa

La deturpazione della Chiesa di Santa Restituta di Sora

Probabilmente non ci sono parole sufficienti per condannare un gesto così tanto irrispettoso messo in atto in un momento così tanto difficile. Agli italiani viene chiesto di limitare gli spostamenti, di uscire di casa solo in caso di estrema necessità, ma poi ci sono loro, i vandali, che in barba a tutte le regole e al buon senso cosa pensano bene di fare? Deturpano con vernice spray nera e rossa uno dei simboli di Sora: la Chiesa di Santa Restituta.

Un cuore spezzato e sanguinante, così pare, nonché alcune scritte prive di senso sono apparse sulla parete laterale della chiesa che affaccia su Via Attilio Regolo, realizzate con tutta probabilità nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo. Il gesto è stato denunciato sul web da Francesco Monorchio, presidente dell’Associazione Rinascita Spazio Identitario, scatenando lo sdegno generale: "Nonostante il momento storico chiami tutti ad un maggior senso di responsabilità, qualche soggetto inqualificabile ha osato deturpare un ingresso laterale della chiesa di Santa Restituta. Questa chiesa è una delle bellezze più rappresentative della città, ma ha anche un valore affettivo immenso per i sorani. Oltre ad essere luogo di culto è infatti lo sfondo di tanti momenti di vita quotidiana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Così, mentre i cittadini in modo encomiabile si stanno attenendo alle restrizioni che si sono rese necessarie - scrive ancora Francesco Monorchio - qualcuno ha ritenuto opportuno infrangerle per arrecare uno sfregio alla nostra chiesa, alla nostra città, utilizzando bombolette nere e rosse per disegnare grosse e sconclusionate immagini e scritte. Questo brutto colpo inferto al fianco di Santa Restituta fa il paio con gli altrettanto squallidi graffiti che da anni ormai campeggiano vistosamente sul retro, in via Lungoliri Mazzini. Nella speranza che il responsabile (o i responsabili) possano essere individuati, torniamo a sottolineare l'importanza di un sistema di videosorveglianza (al punto 2 delle nostre proposte) da utilizzare solo nei casi di necessità come questo. Con l'occasione approfittiamo per salutare i nostri concittadini che con maturità stanno gestendo questo periodo delicato. Forza Sora!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

  • Coronavirus, reso noto il boom di casi in Ciociaria. D'Amato: 'Assembramenti di genitori all'entrata delle scuole'

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 19 e domenica 20 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento