Edoardo Caldaroni, l'ultimo saluto domenica alle 10 nella cattedrale di Santa Maria Assunta

La città potrà dire addio al ragazzo scomparso mercoledì 3 gennaio nella sua casa di Sora

La città di Sora potrà dare l'ultimo saluto ad Edoardo Caldaroni. Dopo l'autopsia eseguita questa mattina, è stato fissato il giorno in cui la città potrà dire addio al giovane 18enne venuto a mancare lo scorso 3 gennaio. I funerali saranno celebrati domenica mattina alle ore 10 nella Cattedrale di Santa Maria a Sora, nel frattempo la ditta di onoranze funebri Ianni e Caira ha allestito uno spazio e la salma è ora esposta nella chiesa madre del cimitero sorano.

Due giorni da quel terribile momento

Sono passati due giorni da quando Sora ha perso una parte di sè. Erano le 17 di mercoledì quando il 18enne Edoardo Caldaroni, per ragioni che probabilmente resteranno per sempre nascoste nel suo cuore, ha deciso di porre fine alla sua breve vita. In queste ore su tutta la città si è steso un velo di tristezza, di angoscia, di perchè. Nessuno si capacita per quanto accaduto. Edoardo, un ragazzo appassionato di moto, che aveva progettato di visitare il nord Europa sulla sua due ruote in compagnia di amici. Edoardo, figlio, fratello, studente del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci, che fra qualche mese avrebbe affrontato gli esami di maturità. Un ragazzo sorridente, dalla capigliatura folta e sbarazzina. Nessun grillo per la testa. I suoi amici lo hanno subito precisato quando fuori casa, subito dopo l'accaduto, hanno cominciato a riunirsi in cerca di spiegazioni. Lo hanno ribadito più volte, per evitare che si traessero conclusioni affrettate, per evitare che qualcuno potesse pensare male anche per un solo istante del loro caro amico, per proteggerlo almeno ora. Insomma, un giovane che apparentemente non aveva un solo motivo per compiere un gesto così estremo che ha gettato nello sconforto e nella disperazione non solo la sua famiglia ma un'intera comunità. 

Un'intera comunità in lacrime

Dopo pochissime ore dal ritrovamento del corpo esanime nel garage al piano terra della casa in via Madonna della Quercia, la notizia si è diffusa rapidamente lasciando tutti sbigottiti e senza parole. D'altronde cosa può essere detto di fronte ad una tragedia del genere? Quali parole possono essere pronunciate se non frasi di vicinanza e di cordoglio nei confronti di quella famiglia la cui vita è stata spezzata e che non sarà mai più la stessa. Domenica saranno in centinaia a dirgli addio e nel frattempo gli amici continuano a scriverli messaggi sulla sua pagina facebook, in quello spazio virtuale, che a volte sembra poter fare da tramite con l'al di là, dove qualche giorno fa aveva postato l'immagine di una cartina geografica con il percorso del suo viaggio tracciato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento