Sora, anziano rientra a casa e trova tre malviventi ancora in azione. In rete l'appello della figlia

Sulla vicenda avvenuta qualche giorno fa in una zona centrale della città, stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Sora. I tre dovrebbero essere residenti nelle zone limitrofe

Un episodio davvero triste e spiacevole quello che è capitato alcuni giorni fa in una zona centrale di Sora. Vittima dell’accaduto un anziano che rientrando nella sua abitazione in via Lungoliri della Monica si è letteralmente trovato faccia a faccia con tre malviventi che in sua assenza avevano già provveduto a mettere a soqquadro la casa in cerca di tesori. Uno spavento terribile per l’uomo che alla vista dei furfanti a volto coperto ha cominciato ad urlare.

Un importante indizio per le indagini

I tre sono scappati inveendo contro l’anziano. Un'azione che in un certo senso li ha traditi poichè dalle parole pronunciate la vittima ha potuto capire che si trattasse di un accento di queste zone. Immediata la denuncia ai Carabinieri della Compagnia di Sora che si sono attivati per le indagini.

L'appello dei familiari

Nel frattempo anche i familiari hanno provveduto a cercare informazioni sul web, coinvolgendo la popolazione e chiedendo l’aiuto a chi, magari casualmente, si fosse trovato a scattare foto in “Via Giuseppe della Monica, nel tratto compreso tra il ponte del Divino Amore e la rotatoria all’inizio delle case popolari”. Immagini che potrebbero rivelare qualche indizio su quanto accaduto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ringraziamento alle Forze dell'Ordine

Una triste vicenda dalla quale è emerso un messaggio positivo, quello rivolto dalla figlia della vittima alle Forze dell'Ordine per il lavoro e l'impegno quotidiani: “In questo momento non penso al danno economico ed affettivo, per avermi sottratto oggetti che appartenevano a chi oggi non c’è più, penso al coraggio di mio padre, che ha sorpreso i ladri dentro casa e li ha affrontati, costringendoli alla fuga. In questo momento io e la mia famiglia desideriamo fare una cosa ben più importante: ringraziare, con tutto il cuore, i Carabinieri di Sora, per essere intervenuti immediatamente, per l’accuratezza dei rilievi, per l’ascolto, per i consigli, per tutte le volte che, nonostante la cronica carenza del personale ed i pochi mezzi, li vediamo passare, ad ogni ora, nelle nostre strade. Ritengo doveroso che il loro lavoro, con quello di tutte le altre forze dell’ordine, venga riconosciuto ed apprezzato da tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento