Sora, oltraggio al ricordo delle 4 vittime di femminicidio. Imbrattata la targa con i loro nomi

Con una bomboletta spray sono stati cancellati i nomi di Adriana, Chiara, Gilberta e Samanta. Lo sdegno dell'associazione Iniziativa donne

Dove è finito il rispetto? Dove si nasconde? Viene da chiederselo quando accadono fatti che lasciano del tutto perplessi e inorriditi. La targa commemorativa posta all'interno del parco Santa Chiara di Sora, sulla quale sono incisi i nomi di Adriana, Chiara, Gilberta e Samanta è stata imbrattata per mano di ignoti, per non usare altri appellativi. Con una bomboletta spray sono stati cancellati i nomi delle 4 vittime di femminicidio. Ma con un segno di vernice nera è stato cancellato molto di più, è stata eliminata ogni traccia di rispetto verso 4 donne morte per mano di un uomo violento.

La condanna dell'associazione Iniziativa Donne

Subito dopo la scoperta è arrivata la condanna da parte dell'associazione Iniziativa donne: "I simboli hanno una valenza importante nelle comunità. I nomi e le storie di donne uccise per mano violenta erano state incisi nel gennaio 2015 su pietra e lasciate a memoria nel parco Santa Chiara nel cuore di Sora. Cuore che oggi viene nuovamente spezzato da chi, insensibile, irrispettoso e vile ha oltraggiato non solo uno spazio fisico, ma una cultura del rispetto. Condanniamo l'autore e o gli autori dell'incommentabile gesto e esprimiamo vicinanza alle famiglie. Chiediamo al comune di Sora di intervenire per ripristinare e restituire il decoro".

Poche settimane fa un episodio analogo era accaduto a Cassino dove la panchina rossa installata in ricordo di Serena e Gilberta era stata distrutta a calci.  Sicuramente nel giro di poco la targa verrà ripulita dallo sfregio ma non basterà a togliere le tracce di vernice per cancellare la rabbia di tale gesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento