Sora, in cassa integrazione lavoravano per una cooperativa. Scoperta truffa di oltre 7 mila euro

Cinque persone sono state segnalate alla Procura della Repubblica di Cassino

Erano ben cinque le persone assunte da una cooperativa di Sora truffavano lo Stato perché continuavano a prendere la cassa integrazione. La scoperta è stata fatta dai finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone e per la precisione dagli uomini della Tenenza della Guardia di Finanza di Sora

Le indagini

La indagini effettuate dagli uomini delle Fiamme Gialle di Sora hanno consentito di rilevare che l’impresa indagata aveva richiesto e ottenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’autorizzazione alla procedura della cassa integrazione guadagni straordinaria (C.I.G.S.), facendo così ridurre l’orario di lavoro dei dipendenti interessati da 40 a zero ore settimanali e con un’integrazione salariale corrisposta dall’I.N.P.S. pari all’80% della
retribuzione globale.

I segnalati

Il legale rappresentante della cooperativa e quattro lavoratori dipendenti sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Cassino per i reati di falsità ideologica e truffa aggravata ai danni dello Stato, per aver indebitamente percepito integrazioni salariali per un importo di circa 7.000 euro. Con questo sistema fraudolento i soggetti investigati erano in pratica riusciti a
spostare il costo del lavoro interamente sulle casse dell’I.N.P.S. riuscendo in tal modo a crearsi un vantaggio economico.

Il numero dei lavoratori in nero in provincia

Dall’inizio dell’anno – a livello provinciale - sono già 67 i lavoratori completamente sconosciuti all’I.N.P.S. in nero scoperti dalle Fiamme Gialle cui si aggiunge la verbalizzazione di 18 datori di lavoro per l’impiego di manodopera irregolare.  Imprenditori, pertanto, che si avvalgono di prestazioni professionali e/o lavorative senza riconoscere alcuna copertura previdenziale e assistenziali previste dalla legge, senza il pagamento dei contributi previsti, spesso in virtù di un'assenza di un contratto di lavoro ufficiale ovvero non registrato e dunque giuridicamente nullo/irregolare. Quanto sopra, oltre a danneggiare le casse dell’erario, crea un vantaggio economico in materia di minori costi sostenuti, a discapito della lecita
concorrenza e delle aziende oneste che operano nel medesimo settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento