Sora, pubblica un video di denuncia contro un agente, il Questore decide di annullare la multa

Dal video diffuso dalla moglie del 38enne multato è emersa una situazione di grave disagio da parte dell’intero nucleo familiare

Si è conclusa con l'annullamento della sanzione la vicenda denunciata da una donna residente nel comune di Sora attraverso un video su Facebook riguardante una multa elevata nei confronti del marito dalle forze dell'ordine per aver violato quanto previsto dal DPCM dell'8 marzo in materia di contenimento del Coronavirus.

Il video di denuncia

Un video in cui la donna, madre di due figli di cui uno affetto da una grave patologia, l'Encefalopatia Immunomediata subacuta subentrante accompagnata da Epilessia farmaco-resistente ed Emiparesi, racconta tra le lacrime di aver ricevuto il verbale di 400 euro. Dal racconto della donna si apprende che l'8 aprile suo marito è stato fermato per un controllo dalle forze dell'ordine e che lo stesso sarebbe stato "trattenuto in ostaggio per 55 minuti. Mio marito - precisa - è stato fermato mentre si stava recando a fare la spesa nello stesso comune di residenza, munito di autocertificazione, guanti e mascherina". 

Uno stato di profondo disagio

La denuncia della signora in cui utilizzava parole forti e dal tono particolarmente acceso nei confronti dell'agente in servizio, di cui non è stato diffuso il nome, è diventato virale suscitando lo sdegno di chi ha ascoltato quelle frasi di rabbia dettate evidentemente da uno stato di disagio in cui si trova la famiglia. Una situazione che non è passata inosservata agli occhi del Questore di Frosinone che ha deciso di annullare il verbale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione del Questore

"Dalla diffusione in rete di un filmato in cui una cittadina di Sora lamentava che il proprio marito era stato ingiustamente sanzionato per la violazione delle prescrizioni adottate per contenere la propagazione della pandemia, - si legge nella nota diffusa dalla Questura di Frosinone - è emersa una situazione di grave disagio da parte dell’intero nucleo familiare che più di altri sta subendo le conseguenze dell’attuale fase, anche a causa dello stato di disabilità del figlio. Avuta conoscenza di tale bisogno, la Questura ha inoltre preso tempestivamente contatti con il protagonista della vicenda, un cittadino sorano di 38 anni, offrendo la massima disponibilità ad intevenire per sopperire ad eventuali impellenti necessità di generi di prima necessità o medicinali. La condizione di disagio verrà evidenziata anche ai Servizi Sociali per l’adozione di ogni ausilio idoneo ad alleviare lo stato di sofferenza che affligge la famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento