Sora, calci e pugni alla moglie che arriva in ospedale con il naso rotto

L’ennesima violenza familiare con vittima una donna. Arrestato un 27 enne cittadino serbo dai carabinieri della locale Compagnia

L’ennesima storia di violenze familiari questa volta arriva dalla parte est della Ciociaria e per la precisione da Sora. Qui nelle ore scorse i carabinieri  del NORM della locale Compagnia coadiuvati da quelli della Stazione di Casalvieri hanno tratto in arresto per “maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e sequestro di persona”, un 27enne cittadino serbo, residente in città, già censito per reati specifici.

Le botte alla moglie

L’uomo tornato a casa dopo una giornata di lavoro, per futili motivi, ha aggredito la moglie convivente colpendola con pugni al volto e alla testa, nonché minacciandola con un coltello ed impedendole di uscire dall’abitazione. Successivamente la donna è riuscita a chiamare i soccorsi e prontamente medicata dai sanitari locale nosocomio, le veniva riscontrata la rottura del setto nasale, con ferite lacero-contuse sul cuoio capelluto, lesioni giudicate guaribili in giorni 15 s.c.. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento