menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Subiaco Corso e rocca

Subiaco Corso e rocca

Subiaco, Cittadini scrivono al Sindaco per salvare Giudice di Pace

Ancora è possibile salvare l'Ufficio del Giudice di pace di Subiaco: infatti il TAR del Lazio ha accolto un ricorso presentato contro la cessazione di quello di Palestrina, e l'Unione nazionaleGiudici di Pace ha bollato quindi il provvedimento...

Ancora è possibile salvare l'Ufficio del Giudice di pace di Subiaco: infatti il TAR del Lazio ha accolto un ricorso presentato contro la cessazione di quello di Palestrina, e l'Unione nazionale Giudici di Pace ha bollato quindi il provvedimento ministeriale come illegittimo e invita a presentare ricorso al TAR per ottenere la riapertura.

Abbiamo quindi scritto al sindaco di Subiaco Francesco Pelliccia affinchè si attivi per rivolgersi ai giudici amministrativi:

Egregio sig. Sindaco, volevamo con la presente portarla a conoscenza del fatto che il Tribunale Amministrativo del Lazio (sezione prima) ha accolto positivamente il ricorso numero di registro generale 15690 del 2014 nel quale si chiedeva "l'annullamento previa sospensione dell'efficacia, - del provvedimento - decreto del 10.11.2014, emesso dal Ministero della Giustizia e pubblicato sulla G.U.R.I. n. 279 del 01.12.2014, con il quale all'art. 4 è stata disposta la cessazione del funzionamento dell'Ufficio del Giudice di Pace di Palestrina, alla data di quindici giorni dall'entrata in vigore del provvedimento; - di tutti gli atti presupposti, connessi e consequenziali, anteriori e successivi".

A questa notizia positiva, che è senz'altro utile per impedire che l'Ufficio del Giudice di Pace di Subiaco cessi definitivamente di esistere, si aggiunge quanto espresso dall'Unione nazionale Giudici di Pace: " A questo punto, QUALSIASI ELETTORE RESIDENTE nel mandamento di tutte le oltre 80 sedi di Giudice di Pace illegittimamente soppresse con il ripetuto decreto ministeriale può fondatamente chiedere al TAR Lazio la riapertura dell'ufficio (il termine di 60 giorni per la notifica del ricorso scade il 30 gennaio, essendo stato il decreto ministeriale illegittimo pubblicato il 1° dicembre)".

La nostra Associazione crede che mantenere l'Ufficio del Giudice di Pace a Subiaco contribuisca ad aiutare i cittadini a far rispettare i propri diritti ed ad evitare prevaricazioni, che aumenterebbero se si incrementassero le difficoltà per i residenti di questo territorio ad accedere ai servizi giuridici.

Pertanto, anche in considerazione del Suo precedente interessamento a questo problema evidenziato dagli organi di informazione, Le chiediamo che il Comune di Subiaco si rivolga anche esso al Tribunale Amministrativo del Lazio contro la cessazione del funzionamento dell'Ufficio del Giudice di Pace di Subiaco come già avvenuto altrove per quello di Palestrina.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento