menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Subiaco, con la canna sull’alta tensione. Muore il pescatore Gianni Bardini

Come di consuetudine a fine febbraio si apre la pesca nei fiumi laziali, ma quest’anno purtroppo si è aperta con la triste notizia della morte di un pescatore. Domenica è morto folgorato

Come di consuetudine a fine febbraio si apre la pesca nei fiumi laziali, ma quest'anno purtroppo si è aperta con la triste notizia della morte di un pescatore. Domenica è morto folgorato

Gianni Bardini, ex dipendente ASL RM G quando, nella giornata di ieri, nel tratto tra ponte Minnone e Ponte Lucidi, la sua canna da pesca è andata ad impigliarsi nei fili dell'alta tensione che attraversano il tratto del fiume. La tragedia è avvenuta nel primo pomeriggio di ieri quando la vittima insieme ad altri amici era per la giornata di apertura della stagione ittica. Quando è arrivata l'ambulanza non c'è stato niente da fare e le mani del povero pescatore erano completamente nere, forse a causa della forte scossa elettrica. A seguito del successivo atterraggio dell'eliambulanza nel campo sportivo di Subiaco si è constatato che il cuore del pensionato non ha retto alla forte scossa elettrica.

La presenza di fili elettrici in prossimità del fiume Aniene è stata segnalata più volte dall'Associazione Pescatori Altro Aniene e della'Associazione Cannisti, chiedendo più volte lo spostamento dei tralicci in modo da garantire ai pescatori la sicurezza durante le giornate di pesca nel trattto.

Gabriele D'Acuti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento